venerdì 27 luglio 2018


 I Centurioni: il sogno è realtà.
Dopo 54 anni, il club rossoblu avrà una casa propria
Presidente Bugatti: «A Villa Carcina per scrivere una nuova pagina della nostra storia»

Lumezzane (BS), 27 luglio 2018 – Per il club rossoblu guidato da Ottorino Bugatti, il presidente più longevo del rugby italiano, è giunta la notizia attesa da oltre cinquant’anni.

Il Comune di Villa Carcina ha aggiudicato definitivamente aI Rugby Lumezzane, che dalla stagione 2018/2019 prenderà il nome de I Centurioni Rugby Lumezzane, l’affidamento mediante finanza di progetto della concessione dei lavori per il rifacimento e la riqualificazione del Centro Sportivo “Dei Pini” di Cogozzo di Villa Carcina, con contestuale gestione dell’impianto della durata trentennale. Il club rossoblu, inoltre, si occuperà della posa di manto sintetico e riqualificazione del campo da calcio “Esso”, sito nel medesimo comune, e della realizzazione di una nuova zona dedicata all’atletica.
«Oltre alle difficoltà storiche ad esercitare la nostra attività a Lumezzane per l'endemica carenza di strutture e la persistente, scarsa collaborazione di una società sportiva di calcio che utilizza con noi campi di gioco – commenta il presidente Ottorino Bugatti - la scelta di progettare una soluzione a Villa Carcina è maturata guardando al futuro del nostro movimento che da tempo esercita la sua attività anche al di fuori dal comune di origine. Oltre a cogliere l'occasione di avere finalmente una nostra casa, abbiamo l'opportunità di collocarla in una posizione baricentrica rispetto alla Valle Trompia. Dobbiamo ringraziare gli amministratori del Comune di Villa Carcina per la loro fiducia, sensibilità e collaborazione. Intendo affermare con decisione che il club che presiedo collaborerà fattivamente con tutte le realtà locali a partire dalle amministrazioni comunali, associazioni sportive e culturali, enti scolastici e, non per ultimo, le famiglie che vorranno avvicinare i loro figli e figlie alla pratica del nostro sport».
«Con orgoglio possiamo affermare che, con questo importante intermedio, la nostra società sta rispettando il progetto iniziato due anni fa con l’inserimento di nuovi membri nel consiglio direttivo – dichiara il General Manager Luca Raza -. L’identificazione di una soluzione al mai risolto prima problema delle strutture sportive, infatti, è stato affrontato nelle modalità e nelle tempistiche previste dal nostro progetto di ampliamento e crescita del club. Un tassello che ci consentirà di mettere a segno lo sviluppo al quale ambiamo».

«Il centro sportivo “Dei Pini” e della “Esso” presentavano forti criticità dovute all'età e alla progettazione fin dai primi anni di vita – commenta l’assessore allo Sport del Comune di Villa Carcina Stefano Colosio -. Gli investimenti per poterli adeguare e rendere attuali erano enormi ed impossibili per le casse del comune, nonostante negli anni i costi di manutenzione e mantenimento siano stati considerevoli. L'amministrazione comunale di Villa Carcina, dopo aver indetto un bando pubblico aperto a tutte le società sportive nazionali gestito tramite la CUC (a norma di legge), ha visto vincitrice la società Rugby Lumezzane che, oltre a portare in questi anni un nuovo ed entusiasmante sport all'interno delle scuole e poi al servizio dei nostri giovani atleti, soddisfa le esigenze sportive e strutturali di partenariato Pubblico-Privato, come era nella premessa della gara e a beneficio anche delle realtà già presenti sul territorio. 
La compartecipazione economica del Comune infatti, in proporzione alla partecipazione economica del Rugby Lumezzane, è molto ragionevole. Ora, grazie a questa soluzione, potremo rilanciare queste strutture e tutte le realtà che già vi operano all'interno. Questa opportunità di collaborazione con il Rugby Lumezzane rilancia di fatto due strutture con un passato glorioso riorganizzando strutturalmente: calcio, tennis, atletica leggera, Cai e Soldanella, società che occupano gli attuali spazi e che verranno  migliorati e adeguati alle nuove norme tecniche. Ciò nel rispetto delle esigenze dei vari sport spostando, di fatto, di poco alcune attività e ristrutturando strutture e omologandole anche per gli anni a venire. Lo sport a Villa Carcina è da sempre un'eccellenza in tutte le sue discipline e siamo convinti che potrà solo migliorare ancora, divenendo di fatto il polo sportivo della Valtrompia. Se questo oggi è possibile si devono ringraziare il lungimirante presidente Ottorino Bugatti e tutto il suo staff che hanno creduto fortemente in questo progetto che va a beneficio dei cittadini di Villa Carcina».

Il progetto: le caratteristiche 

Il progetto approvato (in allegato alcuni rendering degli interventi che verranno realizzati) prevede che il campo “Dei Pini” venga adeguato fino all’omologa per il campionato d’Eccellenza (massima serie del rugby in Italia DA QUEST'ANNO top 12) e sia il primo e unico esempio di campo in sintetico con intaso ecologico ed ecocompatibile, composto da un mix di materiale di origine vegetale e elastomeri incapsulati. Limonta Sport, tra i leader mondiali del settore, si occuperà della fornitura e della posa del manto sintetico, mentre la bresciana MAST sarà l’azienda affidataria di tutte le opere accessorie.
Inoltre, verrà interamente ristrutturato lo stabile sito nel centro sportivo, con la contestuale creazione della Club House destinata ai membri della società e di un bar e ristorante aperto al pubblico e che si prefigge di rappresentare un importante luogo di aggregazione per tutta la popolazione valtrumplina. 

L’investimento complessivo per la realizzazione delle opere in progetto supererà i 2 milioni di euro.

L’adeguamento dell’edificio porterà, inoltre, alla realizzazione delle seguenti strutture propedeutiche ad un’attività sportiva di vertice:
-        n° 2 spogliatoi arbitri
-        n°1 locale infermeria
-        n°1 locale antidoping
-        n°1 deposito attrezzature
-        n°4 nuovi spogliatoi
-        n°1 palestra
-        n°2 uffici
-        n°1 sala stampa
-        n°1 sala riunioni/conferenze
I lavori prenderanno il via al termine dell’iter burocratico che prevede la ricezione dei pareri vincolanti di altri enti, tra i quali quello del CONI. Il cantiere si aprirà con le opere necessarie alla riqualificazione delle tribune al “Dei Pini” e il rifacimento dei due campi sportivi.

«Ipotizziamo l’inizio dei lavori tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre – spiega Fabio Rizzinelli, consigliere de I Centurioni Rugby Lumezzane, progettista e direttore dei lavori -, e nutriamo l’ambizione di poter cominciare a giocare sul nuovo campo all’inizio del 2019». Per la riqualificazione dell’immobile, invece, sarà invece necessario qualche mese in più, con l’ipotesi di inaugurazione di club house e attività commerciale nella primavera del 2019. (Fiorenza Bonetti)

Nessun commento:

Posta un commento

Recco (GE) - Gli Squali della Tossini Pro Recco Rugby riescono, per la seconda domenica di seguito, a centrare pienamente l'obiet...