lunedì 30 novembre 2015

Il Genova Rugby Levante conserva il quarto piazzamento nel girone 1 dell’elite. Il pareggio ottenuto (13/13) al Carlini sul Grande Brianza permette ai genovesi di tenere il posto, che teoricamente potrebbe permettergli di partecipare ancora al futuro torneo d’elite della prossima stagiona agonistica, evitando anche i lunghi e farraginosi barrages di qualificazione. 

(Dan Pavel, allenatore del Genova Rugby Levante Under 16, una garanzia)

Domenica scorsa il Genova Levante, composta ineditamente da tutti “genovesi”. Ha sudato le proverbiali sette camicie per affrontare i ragazzi brianzoli, una gruppo omogeneo e combattivo che proprio allo scadere del test ha pareggiato su penalty.
DAN PAVEL, trainer del GenovaLevante U/16, è soddisfatto della prova dei ragazzi, e ammette le difficoltà incontrate: “ Questi giovani hanno dimostrato con orgoglio di meritare la maglia che difendono – ammette il rumeno, ormai di cittadinanza italiana – hanno affrontato una formazione preparata a tutto, ma noi abbiamo pressato l’avversario con insistenza, predominando nelle touche e cavandocela tutto sommato bene nei raggruppamenti.

(Una mischia tra GenovaLevante e Grande Brianza, foto di LORENZO D'ANGELO)

 I lombardi si buttavano nelle mischie come fossero in piscina – prosegue Pavel – rendendosi anche pericolosi per l’incolumità dei nostri ragazzi, ma siamo riusciti almeno a riportare un pareggio.”
Il GenovaLevante ad oggi ha vinto con A.S.R. Milano (22/5), a Torino con il CUS (14/10), perdendo poi di misura (8/3) a Milano con il CUS, strapazzando il Lecco (40/0), cedendo infine (22/7) a Viadana. Certo che le prime tre Società classificate nel girone 1, Calvisano, CUS Milano e Viadana sembrano fare campionato a se, ma se non cambieranno le regole federali arrivare quarti in classifica significherebbe conservare l’elite ed al momento di ragazzi di Dan Pavel sono a posto.

“ La squadra di domenica scorsa era chiaramente rimaneggiata – ammette Dan Pavel – e penalizzata dai pochi allenamenti effettuati, per problemi tecnici, ma alla fine della contesa tutti i nostri atleti erano soddisfatti della prova e anche del risultato, e sono usciti dal campo cantando il loro consueto inno del Genova Rugby. La formazione che è scesa in campo al Carlini, quindi, era modificata rispetto ai precedenti test. L’esordiente Pinna nel ruolo di mediano di mischia, e Alessio Salucev, veramente promettente questo ragazzo entrato nel secondo tempo all’ala. “
(Una touche al Carlini tra GenovaLevante e Grande Brianza, foto di Lollo D'Angelo)

Il GenovaLevante ha siglato una sola meta alla fine del primo tempo portandosi così sul 10/5 ma, nel secondo tempo la battaglia di è sviluppata anche con i piazzatori di turno e Andrea Ayra in totale ha messo a segno due penalty ed una trasformazione. L’U/16 del Genova Levante ha utilizzato: Iametti, poi uscito per infortunio, Tiberiade, Vimercati, Zoratti, Odone, Tiberiade, Ayra, Pinna, Olivieri, Ferrari, Solaro, Nacci, Agostinelli, Barone, Anselmi, Farina. In seguito sono subentrati anche: Nicolò e Jacopo Bianchi, Gallo, Pugliese, Campanini, Salucev, Pastorino. UNDER 16 GIRONE 1 ELITE (VI GIORNATA): GenovaLevante – Grande Brianza 13/13, Cammi Calvisano – Bergamo 34/15, CUS Milano – Viadana 13/10, CUS Torino – Tutto Cialde Lecco 21/43, VII Torino – A.S.R. Milano 38/7. CLASSIFICA: Calvisano punti 30, CUS Milano 27, Viadana 26, GenovaLevante 16, VII Torino 14, Grande Brianza 13, CUS Torino 10, Lecco 7, A.S.R. 2, Bergamo 0. PROSSIMO TURNO (5/6 DICEMBRE 2015): Bergamo – GenovaLevante, Viadana – Calvisano, CUS Milano –VII Torino, Lecco – Grande Brianza, A.S.R. –VII Torino. 
IN SOSTA I CAMPIONATI NAZIONALI, il Monferrato Rugby ha portato avanti altri impegni, compresa l’importante attività giovanile. 
(la foto sotto ritrae il Monferrato Rugby, mista titolari/riserve con uno dei trainer MAURIZIO PERIN)











Ad Alessandria, intanto, al campo “Ferrovieri” una formazione Riserve della Franchigia piemontese, seguita in questo caso da Maurizio Perin, ha effettuato uno stage insieme al Novi Rugby di C2. Molto utile per entrambe le Società questo allenamento congiunto, per fa si che il rugby in provincia ma soprattutto nel Piemonte Sud Orientale, diventi centro cruciale del movimento e punto di riferimento per il Nord Ovest.

(l'U/18 Seven's del Monferrato, vittorioso al Torneo Regionale di Volpiano)

Parte bene, per i ragazzi Under 18 del Monferrato Rugby,  la prima giornata del Campionato Seven’s del Comitato Piemonte e, con una squadra di alto livello tecnico si è imposta in tutte le gare della prima giornata. Il Monferrato, al campo di Volpiano, ha superato il Settimo Torinese 12/7, il Volpiano Rugby 29/5, l’Avigliana 17/7 e il San Mauro 19/15.

(nella foto a dx GianCarlo Casarin, alessandrino e dirigente accompagnatore del Monferrato Rugby U/18)

“ Indubbiamente per la selezione monferrina – ammette Gian Carlo Casarin, dirigente del club – è stata una esperienza molto positiva. Il team ha risposto bene, vincendo tutte e quattro gli incontri e, tra l’altro l’ultimo e decisivo confronto con il San Mauro è stato equilibratissimo, con meta finale e decisiva a nostro favore all’ultimo minuto di gioco. Certo i ragazzi hanno dovuto lottare e soffrire, in quanto il rugby a sette atleti, è molto faticoso, e giocare sui campi a quindici con numero ridotto di atleti puo’ risultare estremamente arduo, ma questo è il gioco, e domenica avremo un’altro torneo regionale ad Asti, poi si riprenderà l’attività a febbraio, quando i campionati principali saranno in sosta.”  L’Under 18 del Monferrato 7’s ha utilizzato: Giacomo Farneti (capt.), Matteo Casarin, Francesco Giorgino, Riccardo Righini, Giovanni Liguori, Alberto Vellequinde, Lucas Manini, Francesco Brumana, Amarildo Hazizaj, Nicolò Bellino, Nicolo’ Plado, Jacopo Fornaca.
L’Under 16/A monferrina, in gara nel girone piemontese, ha potuto giocare poco al campo “Lungotanaro” di Asti con i pari età del Moncalieri in quanto gli ospiti, entrati in campo con soli quindici atleti per molte defezioni, hanno dovuto issare bandiera bianca a favore dei padroni di casa a causa di un infortunio accorso ad un atleta e quindi, come da regolamento, gara terminata per la mancanza del numero legale di atleti partecipanti e conseguente vittoria d’ufficio per il Monferrato. Nella prima giornata del girone di ritorno, quindi, ecco i risultati: GenovaRugbyLevante/B – Volvera 24/34, Amatori ’74 – Rivoli 10/46, Monferrato/A – Moncalieri 26/0 (sosp.) CLASSIFICA (in attesa decisioni G.S.): Monferrato/A punti 30, Rivoli 21, Volvera 17, Moncalieri 15, GenovaRugbyLevante/B 5, Amatori ’74 4.

L’Under 16/B, invece, impegnata nella trasferta ligure domenica ha buttato alle ortiche il buon lavoro svolto fino ad oggi con una prestazione da dimenticare. I monferrini hanno giocato male, con poca grinta ma soprattutto con poche idee concedendo alla terza formazione del GenovaRugbyLevante di chiudere il match con un perentorio 52/5. UNDER 16  GIRONE TERRITORIALE LIGURE/PIEMONTESE (V GG. ANDATA): Amatori Genova – Imperia 0/31, Cuneo Pedona – Province dell’Ovest 22/0, GenovaRugbyLevante/C – Monferrato/B 52/5, Savona – Lions Tortona 95/8. CLASSIFICA: Imperia punti 22, Cuneo 21, GenbovaRugbyLevante/C 15, Province dell’Ovest 14, Savona 13, Monferrato/B 11, Amatori Genova 5, Lions Tortona 0.
MA CHI SE NE FREGA DEL RISULTATO! Credo che sia il pensiero comune dei ragazzi e di tutti quelli che li hanno visti giocare – afferma Massimo Rebora, dirigente dell’U/16 dell’Amatori Genova Under 16 -  si perchè i ragazzi in azulgrana hanno fatto vedere il loro vero valore, la loro grinta, hanno fatto la guerra ai primi costringendoli per tutto il secondo tempo nella loro metà campo. Mancava solo la ciliegina sulla torta che poteva essere una meta strameritata, ma dopo una prestazione così..........chi si ne frega. “

(Amatori Genova Under 16 sempre uniti, nonostante la battuta d'arresto)

La mentalità è quella giusta e prima o poi i risultati arriveranno, e si aggiungeranno a quella sensazione provata domenica contro l’Imperia, quella di aver dato tutto, di meritarsi il rispetto dell’avversario che alla fine non ne poteva più degli attacchi dei ragazzi azulgrana, e appena ha potuto ha tirato fuori la palla per porre termine alla partita.
 “Note di merito a Nicolò Torre che per la prima volta si è trovato in campo da titolare – continua Massimo Rebora -  e ne porta ancora i segni, ai ragazzi che erano in panchina consapevoli del fatto che non sarebbero entrati entrati ad hanno incitato i compagni per tutta la partita, a quelli che sono entrati nel secondo tempo ed hanno aggiunto valore alla prestazione della squadra, ed al migliore in campo, Man of the Match, a Matteo D’Onofrio che anche oggi ha evidenziato il suo ottimo stato di forma, un esempio per tutti. Lascio per ultimo, ma ultimo non è, il tecnico Marco Mastracci; a lui il merito di crederci sempre e comunque, come fa vedere in campo quando gioca con la prima squadra mette lo stesso impegno nel far crescere i nostri ragazzi sia nella preparazione atletica che nella disciplina. Ottimo mastro, continua così. E come sempre grazie a tutte le mamme che ci fanno fare sempre un figurone al terzo tempo.”
UNDER 16 GIRONE TERRITORIALE LIGURE/PIEMONTESE (V GG. ANDATA): Amatori Genova – Imperia 0/31, Cuneo Pedona – Province dell’Ovest 22/0, GenovaLevante/C – Monferrato/B 52/5, Savona – Lions Tortona 95/8. CLASSIFICA: Imperia punti 22, Cuneo Pedona 21, GenovaLevante/C 15, Province dell’Ovest 14, Savona 13, Monferrato/B 11, Amatori Genova 5, Lions Tortona 0.

PROSSIMO TURNO (DOM. 13 DICEMBRE 2015): Imperia – Cuneo, Tortona – Province dell’Ovest, Monferrato/B – Amatori Genova, Savona – GenovaLevante/C.
ROBOANTE AFFERMAZIONE (94/8) dell’Under 16 del Savona sul malcapitato Lions Tortona, ma i piemontesi sono alle prime armi, e risultati simili bisogna anche aspettarseli. 
(nella foto di PAOLO BERNAT, l'U/16 del Savona Rugby ritorna alla vittoria sui Lions Tortona)

“ Infatti – ammette Fabio Rossi, trainer del Savona Rugby U/16 – gli avversari incontrati l’ultima domenica di novembre sono alle prime esperienze agonistiche, e pertanto era prevedibile che riuscissimo a fare risultato altisonante. Fa piacere in ogni modo che anche in quelle zone si cominci a praticare rugby anche nelle categorie giovanili. Noi del Savona arrivavamo da due sconfitte consecutive in quel di Cuneo e l’altra domenica a Cogoleto con le Province dell’Ovest, pertanto una affermazione così rilancia le velleità dei nostri ragazzi, intenzionati a risalire qualche posizione in classifica. “

(L'U/16 del Savona Rugby dilagante con i Lions Tortona alle prime armi, nella foto di PAOLO BERNAT)


L’U/16 del Savona ha giocato con:E. Battaglia, Obermayer, Noceto, Briano, Catzeddu, M. Fiumara, Bernat, A. Fiumara, Devasini, Bruzzone, G. Battaglia, Debernardi, Frassino, Enzi, Minniti. In seguito sono subentrati anche Vasconcellos, Ottomano, Cascio, Zavattaro e Merengon.

Le mete sono state segnate da G. Battaglia, Briano, A. Fiumara, M. Fiumara, Noceto, Enzi, Devasini e Bruzzone mentre le trasformazione se le sono suddivise Briano, Alessio e Mattia Fiumara.

domenica 29 novembre 2015

Ad Imperia, al campo “Pino Valle” di Baitè, si è sviluppata la prima giornata del Festival Regionale Under 14. In questo confronto, della durata di tre tempi da ventiminuti l’uno, diretti dall’arbitro nazionale Carlo Pastore, si sono affrontati trentasette atleti provenienti da tutta la Liguria, e per il momento sono stati convocati venticinque ragazzi, che saranno a disposizione del Tecnico Regionale Alessandro Bottino, dell’altro trainer di selezione Francesco Bernardini in vista del prossimo torneo “Roberto Besio Lorenzo Massa” in programma martedi 8 dicembre a Recco. 
(Spettacolo al Pino Valle d'Imperia per il Festival Regionale Under 14, FOTO DI CLAUDIO VALENTE)

 Saranno in gara in quell’occasione oltre la Liguria, le selezioni regionali dell’Emilia, della Romagna, del Piemonte e della Toscana.
Alessandro Bottino, Responsabile Tecnico Regionale FIR, si è dimostrato soddisfatto della prova dei ragazzi: “ Sicuramente questi giovani si sono impegnati – dice lo stesso allenatore – dimostrando di tenere alla maglia, e questo fatto è la cosa piu’ importante, in quanto a volte le selezioni regionali risultano un poco travisate in rapporto alla valenza del club, che sarà anche importante ma la selezione regionale assume sempre piu’ importanza nel tempo. Il livello delle due squadre è apparso omogeneo, ed abbiamo constatato che sono stati bravi i ragazzi di Genova, ma così anche quelli di Recco, La Spezia, Savona ed Imperia. Andremo avanti sino a giugno con tutto questo gruppo, e chi non è pronto ora lo sarà piu’ in la. Avremo altri tornei oltre il Massa Besio, come il Torneo Denti di Prato e il Melchiorre Dadati di Piacenza.“

(Ad Imperia LIGURIA BLU prevale 11/10 su LIGURIA CELESTE, grande equilibrio fra gli Under 14 regionali, nella foto di CLAUDIO VALENTE)

Le due squadre, una con divisa Blu, l’altra celeste, avevano atleti dei vari club regionali, e lo spettacolo rugbistico ha superato le piu’ rosee aspettative, offrendo spunti di gioco veramente piacevoli. Si è giocato senza mischie ordinate agevolando il gioco veloce, e con direzione arbitrale adatta alla situazione. Ad un certo punto il massimo passivo favorevole ai Blu era fermo sul parziale di 9/2, e le mete fioccavano a sazietà, ma anche le rispettive difese si facevano sentire. Difficile stabilire i piu’ bravi, e segnalare la meta piu’ bella, fatto è che Alessandro Bottino, coadiuvato da Francesco Bernardini e dal preparatore Atletico Andrea Sotteri, ha stilato la distinta dei convocati per il prossimo torneo dell’8 dicembre che sono: Adisu Musso, Paolo Campanini, Andrea Vuerich, Lorenzo Ranise (Imperia), Mattìa Ravera, Nicolò Tassinari (Savona), Alessandro Alampi, Lorenzo Patrone, Riccardo Cerruti, Umberto Buffa, Martino Di Vietro, Pietromaria Campanini, Edoardo Melani, Manuel Fadda, Giacomo Costa, Matteo Costa, Giacomo Ivaldi, Brice Francesco Davide Bep A Dong (Genova Rugby), Rapahel Battista (Amatori Genova), Mattia Balestracci, Giulio Zerba Pagella, Martino Sbarbori, Edoardo Contini, (Pro Recco), Tommaso Piazzi e Francesco Valentia (Lunigiana/Spezia).
L'allenamento della selezione è programmato per giovedi 3 dicembre (ore 16,30) al Marco Calcagno di Cogoleto.

(in azione Adisu Musso U/14 d'Imperia nel Festival Regionale del Pino Valle, nella foto di Claudio Valente)


LIGURIA BLU           11
LIGURIA CELESTE   10
Marc. p/t: 1’ Musso, 3’ Ivaldi, 10’ Ravera, 12’ Battista, 13’ Musso, 16’ e 18’ Capozzi, 19’ Musso; s/t: 2’ G. Costa, 6’ Battista, 12’ Musso, 14’ Alampi, 16’ Cerruti, 19’ Alampi, 22’ Tassinari; t/t: 4’ Zerba Pagella, 7’ Lanfranchi, 10’ e 13’ Alampi, 19’ Ranise, 20’ Battista.
LIGURIACELESTE: P. Campanini, Vuerich, Ranise, De Castillo, Mazza, Peluso, Tassinari, Alampi, Cerruti, P.M. Campanini, G. Costa, Fadda, Capozzi, Balestracci, Zerba Pagella, Dorigatti Piombo, Valentia.
LIGURIABLU: Musso, La Rosa, Giminiani, Trentin, Spirito, Mollea, Lanfranchi, Patrone, Buffa, Di Vietro, Melani, M. Costa, Ivaldi, Bep A Dong, Battista, Sbarbori, Contini, Piazzi, Ferrari.
Arb. Carlo Pastore.


Terzo tempo molto particolare, curato con vera maestria e preparazione da Nonno Joe, un’istituzione per il club dell’Imperia Rugby, e per l’Union Rugby Riviera.

sabato 28 novembre 2015

LUIGI GARAVENTA E’ IL NUOVO CAPITANO DEL CUS GENOVA.
 Un poco a sorpresa domenica scorsa a Recco, nel test del Campionato Nazionale di Serie A con il Tossini Recco, il giovane atleta, genovese puro sangue, ha ricevuto la fascia da capitano della prima squadra biancorossa.
“E’ stato molto bello, e per me è un grande onore – afferma candidamente il mediano di mischia cussino – ricevere questa incombenza, e onestamente debbo ammettere che non so ancora esattamente quali saranno i miei compiti, comprendo che per me è una grossa opportunità, non me lo aspettavo, e quando me lo ha comunicato Stefano Bordon sono rimasto veramente sorpreso. Comunque sono a disposizione e senza dubbio con il tempo sapro’ gestire a modo questi nuovi compiti.”
Luigi Garaventa ha solo ventuno anni, universitario e studia medicina, ha subìto qualche infortunio, ma si è presto riabilitato e coprendo il suo ruolo naturale di mediano di mischia ha spesso dato del filo da torcere all’avversario di turno, e che avversari ha dovuto affrontare! Solo domenica scorsa a Recco ha avuto di fronte l’esperto Lisandro Villagra, circa ventanni di differenza e tanti confronti di alto livello, ma il ragazzo genovese non ha certo sfigurato. Come del resto il mediano di apertura del CUS, Giovanni Cipriani anch’esso giovane che aveva di fronte di fronte Bastien Agniel, un atleta che fa la differenza in campo. E’ ovvio che nei due rispettivi confronti diretti hanno leggermente prevalso i rivieraschi, se non altro per intraprendenza e malizia, ma una coppia di mediani così giovani raramente capita di vederli in campo in Serie A. Hanno bisogno di fiducia, e la fiducia sicuramente li farà ulteriormente crescere soprattutto ora che il campionato di Serie A sta entrando nella fase piu’ delicata dell’intera stagione agonistica.
“Ho iniziato a giocare nel Genova Rugby – ammette Garaventa – e devo essere sincero l’input mi è arrivato seguendo un confronto a Milano con in campo Carlo, mio fratello, che giocava a rugby solo per calare di peso, poi dal minirugby sono passato alle selezioni giovanili, in seguito mio fratello ha lasciato l’attività agonistica che ha portato avanti sino all’Under 20, ed io invece ho proseguito l’avventura con alcuni miei compagni di squadra delle giovanili. “
Il capitano di una squadra di rugby solitamente è l’unico che dovrebbe chiedere delucidazioni in merito a sue decisioni, e questo compito è sicuramente di grande responsabilità in una squadra che non è composta da soli giovani, ma dopo la sconfitta di misura di Recco qualcosa è cambiato in seno al club?
(nella foto sotto Luigi Garaventa, grintosamente in meta)














“ Onestamente ammetto che anche prima di ricevere questo compito – dice Luigi Garaventa – io parlavo spesso con l’arbitro di turno, ovviamente per chiedere spiegazioni, e questo capisco che non dovevo farlo ma era piu’ forte di me! In ogni caso dopo la partita di Recco sono convinto che la nostra prestazione, comunque positiva anche se non vincente, servirà per migliorare il morale del team. A Recco ci siamo fatti vedere, ci siamo fatti capire, ora tutti sanno che il CUS conserva buone possibilità di ben figurare.” (nella curiosa foto piu' sotto, Stefano Bordon sulla dx sembra indicare Luigi Garaventa che è il nuovo capitano del CUS, e che si trova al centro)


















Certo i piccoli dettagli, il minimo errore puo’ cambiare la faccia di una partita di rugby e non solo, resta il fatto per esempio che il buon Giovanni Cipriani, proprio domenica scorsa a Recco dopo aver disputato un incontro esemplare, completato da una serie di piazzati ottimamente centrati, ha colpito due pali e soprattutto nel penalty finale, apparentemente non proibitivo, nei minuti di recupero del test, ha mancato di poco l’importante segnatura. Tre punti che avrebbero cambiato il volto della partita con un risultato che avrebbe lanciato forse definitivamente verso posizioni da primato lo stesso CUS, oltre che troncare il maxi record degli “Squali”, imbattuti al Carlo Androne da ben trentanove partite. Garaventa e Cipriani, sono entrambe giovani promettenti, hanno una vita avanti a loro, sono seri e scrupolosi nell’attività rugbistica e tutti e due, e di questo ne siamo convinti, avranno l’opportunità di rifarsi al piu’ presto!

(nella foto di NANDO MURGIA, lo sfortunato penalty   di Cipriani che poteva cambiare il cammino sia di Recco che di CUS Genova)


 Oggi, dunque, giornata di pausa per la Serie A, mentre domenica prossima al Carlini grande appuntamento per la sfida allo Junior Brescia, capolista del girone appaiato al Tossini Recco. 

venerdì 27 novembre 2015

L’ultimo fine settimana novembrino sarà dedicato esclusivamente alle attività giovanili, ed alla Propaganda. Sono dunque a riposo i Campionati Nazionali della Serie A, il Campionato Riserve, tutti i gironi della C/1 e quelli della C2. In pausa anche i tornei Under 18, sia con i gironi elite che quelli territoriali, mentre saranno regolarmente in campo gli Under 16.  
(L'U/16 del GenovaLevante in campo nella foto di MARIO CAMPI)

Nel girone elite il team della Franchigia Genova/Levante, che ad oggi, dopo cinque giornate, è riuscita a vincere tre partite con A.S.R., CUS Torino e Lecco, cadendo prima con il CUS Milano (8/3) e poi con Viadana (22/7), ha concrete possibilità di proseguire il cammino verso una posizione di classifica utile per conservare la possibilità di gareggiare ancora l’anno prossimo in questo girone. 


(l'U/16 del Genova Levante in attacco nella foto di MARIO CAMPI)


E’ un torneo a dieci squadre, con formazioni giovanili molto quotate, che tra l’altro utilizzano parecchi ragazzi provenienti da altre Società, come Viadana e Calvisano per esempio, mentre il Genova Levante utilizza atleti del Genova Rugby e della Pro Recco Rugby in nome dell’unione che si è creata fra le due società la scorsa estate. Genova Levante, oltre alla compagine Under 16 iscritta al girone elite, di grande livello tecnico, gareggia con un’altra formazione, la Genova Levante/B nel torneo piemontese, e con la Genova Levante/C  nell’altro girone territoriale misto, ligure/piemontese. L’appuntamento piu’ importante per domenica, quindi, è il test del Carlini (ore 12,30 arb. Luca Ermellino) tra Genova Levante, allenata da Dan Pavel, e Grande Brianza nel girone elite. Intanto per questo pomeriggio (ore 15,30 arb. Carlo Pastore) è previsto lo svolgimento del Festival Under 14, programmato al campo Pino Valle d’Imperia, località Baitè.  Dei primi trentasette convocati, che scenderanno in campo ad Imperia divisi su due compagini equilibrate, probabilmente saranno convocati venticinque ragazzi che avranno già occasione di gareggiare in un prossimo torneo con altre selezioni regionali di pari età. Ovviamente nel prosieguo della stagione agonistica tutti gli altri atleti potranno ricevere la convocazione per altre importanti manifestazioni, anche extraregionali.  (Nella foto sotto la Liguria Under 14 che ben figuro' il I MAGGIO 2015 al torneo internazionale Melchiorre Dadati di Piacenza )















 I convocati per l’odierno Festival U/14 sono: Adisu Musso, Paolo Campanini, Andrea Vuerich, Fabrizio La Rosa, Nicolò Francesco Geminiani, Lorenzo Ranise (Imperia), Mattìa Ravara, Davide Dacastelli, Matteo Mazza, Riccardo Peluso, Patrick Trentin, Lorenzo Spirito, Nicolo Tassinari, Vittorio Mollea, Andrea Lanfranchi (Savona), Alessandro Alampi, Lorenzo Patrone, Filippo Ferrari, Riccardo Cerruti, Umberto Buffa, Martino Di Vietro, Pietromaria Campanini, Edoardo Melani, Manuel Fadda, Giacomo Costa, Matteo Costa, Giacomo Ivaldi, Edoardo Capozzi, Davide Francesco Brice Bep A Dong (Genova Rugby), Raphael Battista (Amatori Genova), Mattìa Balestracci, Giulio Zerba Pagella, Martino Sbarbori, Edoardo Contini, Luis Felipe Dorigatti Piombo (Pro Recco), Tommaso Piazzi e Francesco Valentia (Lunigiana).

UNDER 16 GIRONE 1 ELITE (VI GG. andata)
Genova Levante – Grande Brianza (ore 12,30 Carlini arb. Luca Ermellino di Savona)
Cammi Calvisano – Bergamo
CUS Milano – Viadana
CUS Torino – Tutto Cialde Lecco
VII Torino – A.S.R. Milano
CLASSIFICA: Calvisano e Viadana punti 25, CUS Milano 23, GenovaR.Levante 14,  VII Torino 13, Grande Brianza 11, CUS Torino 6, Milano e Lecco 2, Bergamo 0.

UNDER 16 GIRONE LIGURE/PIEMONTESE (V GG.) ORE 11,00
Amatori Genova – Imperia (Comunale di Sant’Olcese arb. Alessandro Torazza, CR ligure)
Cuneo Pedona – Province dell’Ovest (Comunale Loc. Piccapietra/CN arb. Alessandro Cirillo di Volpiano)
GenovaLevante/C – Monferrato/B (Carlo Androne di Recco arb. Luca Ravasi, CRligure)
Savona – Lions Tortona (Fontanassa arb. Federico Olivieri,CR ligure)
CLASSIFICA: Imperia punti 17, Cuneo 16, Province dell’Ovest 14, Monferrato/B 11, Genova Levante/C 10, Savona 8, Amatori Genova 5, Lions Tortona 0.

UNDER 16 GIRONE 1 – PIEMONTE (I GG. ritorno)
Genova Levante/B – Volvera (SABATO Carlo Androne di Recco 16,30 arb. Mohammed Mansouri CRLigure)
Amatori ‘74 Carmagnola – Rivoli
Monferrato/A – Moncalieri
CLASSIFICA: Monferrato/A punti 25, Rivoli 16, Moncalieri 15, Volvera 12, Genova Levante/B 5, Amatori ’74 Carmagnola 4.

FESTIVAL REGIONALE UNDER 14
-            S a b a t o  -
Campo Pino Valle loc. Baitè d’Imperia (ORE 15,30 arb. Carlo Pastore CRNAR)
Organizzazione Imperia Rugby

ATTIVITA’ DI PROPAGANDA (Under 12)
-         S A B A T O  -
Campo Comunale Branega di Ge/Prà (ore 16,00 arb.Giorgio Malaspina)
Org. Province dell’Ovest – Società oscritte Province dell’Ovest, Genova Rugby, Pro Recco, Savona, Imperia.

ATTIVITA’ DI PROPAGANDA (UNDER 10/8/6)
-        D O M E N I C A
Campo sportivo di Pian di Poma a Sanremo (ore 10,00 org. Sanremo Rugby)
Iscritte Sanremo Rugby, Imperia, Savona, Genova Rugby.

SERIE A FEMMINILE (VII GG. andata)
CFFS Cogoleto&Province dell’Ovest – Casale sul Sile (ore 12,30 Campo Fontanassa di Savona arb. Maria Ausilia Paparo di Bologna)
Riviera del Brenta – Colorno
CUS Torino – Chicken CUS Pavia
Valsugana Padova – Monza
Benetton Treviso in sosta programmata.

CLASSIFICA: Monza punti 30, Valsugana 22, Treviso 21, Colorno 11, Riviera del Brenta 6, Casale e Cogoleto&Province 5, CUS Torino 1, CUS Pavia 0. 














UN POMERIGGIO GRIGIO, e qualche goccia di acqua non hanno bloccato la grinta degli “squalettI” Under 12 al Carlo Androne. L’altro sabato, dopo aver fatto riscaldamento, mentre il CUS Genova e gli Amatori Genova dalla parte opposta del campo si preparavano, gli Squali gridavano “Palla su !” e pronti e grintosi si schieravano. 

(Diego Bisso con i ragazzi del minirugby)

Tre partite, da due tempi ciascuna da dieci minuti, hanno visto i ragazzi del Recco in campo prima con l’Amatori Genova dove hanno vinto (11 mete a 2), poi con il CUS Genova/A che li ha visti nuovamente vincenti (15/0), ed infine l’ultima partita con il CUS Genova/B, partita combattuta valorosamente da entrambe le parti e conclusa con il pareggio con tre mete a testa. Al termine delle partite, come di consuetudine, tutti insieme a fare merenda preparata dalle splendide mamme, nella accogliente Club House. 

(Un derby da minirugby tra Pro Recco e CUS Genova)

E’ sempre un bello spettacolo vedere questi ragazzi, la loro grinta, la loro passione, ed ogni volta constatare la loro crescita tecnica, grazie anche al coach Diego Bisso, che li sprona e li aiuta a diventare veri rugbysti.
PRO RECCO: Andrea, Elia, Gabriele, Gianluca, Jacopo, Leonardo, Lorenzo E., Lorenzo M., Lorenzo R., Martino, Mattìa, Michael, Milo, Nicola, Pancho, Stefano, Tommaso B., Tommaso M. All.: Diego Bisso.
CUS GENOVA/A: Bellino, Biancardi, Caporali, Comellini, Despradel, Oberti, Orukpe, Pesto, Quagliaroli, Rivetta, Schivo, Scidone, Villa, Gastaldo. All. Paolo Pezzana.
CUS GENOVA/B: Barletti, Bolliger, Borlasca, Fiori, Ghiglione, Guadagno, Magini, Marcolini, Olivari, Orsoni, Papini, Querci, Villa. All.: Luigi Berlinghieri.
AMATORI GENOVA: Bavastro, F. Bocca, G. Bocca, Bonzani, Campora, Caponetto, Garaveo, Larosa, Luccoli, Maggio, Morgante, Palumbo, Parodi, Sinelli, Testa, Vendramin. All.: Felice Bisio e Massimiliano Pettinari.
UNDER 12 A RECCO: Recco.Amatori 11/2, CUS Genova/A – CUS Genova/B 7/0, CUS Genova/A – Amatori 9/0, Recco – CUS Genova/B 15/0, Amatori – CUS Genova/B 5/3, Recco – CUS Genova/A 3/3.

(Il minirugby del CUS Genova)

CLASSIFICA GENERALE (non ufficiale): Pro Recco punti 15 (diff.mete + 24), CUS Genova/A punti 15 (diff.mete + 16), Amatori Genova punti 5, CUS Genova/B punti 0.
CON LA COLLABORAZIONE DI CLAUDIA GARBARINO , SILVIA BARINETTI E LE FOTO DI FABIO GUGGERI.

La sorpresa piu’ bella, arrivando a Sant’Olcese, è stata il trovarci Idro Pampani, pensavamo di non avere il “nostro” allenatore ed invece era lì, pronto a postare in campo i suoi ragazzi. La seconda sorpresa è stato il sole che, a dispetto delle gelide previsioni, ha reso piacevole la mattinata. Erano presenti cinque squadre, CUS Genova/A, CUS Genova/B, Amatori Genova, Amatori Vallescrivia Busalla e Pro Recco che hanno dato vita ad un girone all’italiana di sola andata. La prima partita la giochiamo noi (PARLA FABIO GUGGERI) contro il CUS/B, i nostri ragazzi entrano in campo molto concentrati e grazie ad un gioco ben organizzato si aggiudicano la partita. 

(L'allenatore/educatore dell'Under 10 della Pro Recco, Idro Pampani)

Motivati e ben guidati da Idro e Samuele, la mattinata continua con la vittoria su CUS/A, sull’Amatori e sul Busalla, per un totale di trenta mete fatte, e tre subite. Tanti i miglioramenti visti, sia nel gioco di squadra che nelle individualità, segno che il lavoro svolto durante la settimana sta dando i suoi frutti. Dirompenti le progressioni di Matteo, ottime le giocate di Sebi che con un paio di calci ben indirizzati ha lanciato sulla fascia Giovanni, splendide le serpentine di Alessandro e Simone, ottimo il lavoro in copertura di Alessio e Kian, autori anche di grandi ripartenza. Ottima, in generale, la prestazione in fase difensiva con molta attenzione sui punti d’incontro e costante pressione sui portatori di palla avversari. Alla gara hanno partecipato: Alessio, Alessandro, Giovanni, Kian, Matteo, Sebi, Simone ed, assieme a noi, alcuni amici delle altre squadre che si sono alternati per consentirci di giocare in otto. (E questo ultimo fatto dimostra l’immancabile collaborazione esistente a questi livelli da parte di tutti i club impegnati in simili tornei n.d.r.)


CON LA COLLABORAZIONE DI CLAUDIA GARBARINO
ANCORA UNA DOMENICA DIFFICILE PER IL CUNEO PEDONA ! Il Campionato di Serie C/1 domani osserverà un turno di riposo e, la domenica precedente, la squadra seniores biancoblu ha ceduto il passo al Cffs Cogoleto&Province dell’Ovest sul campo casalingo di Piccapietra. 

(duello aereo tra Cuneo Pedona e CFFS Cogoleto & Province dell'Ovest in una foto di NANDO MURGIA)

 Il quindici cuneese faticava subito a trovare la concentrazione necessaria e l’incontro così partiva in salita, con due mete dei liguri segnate nei primi quindici minuti di gioco. Non mancavano però le risposte dai padroni di casa che a sprazzi riprendevano possesso del gioco, riuscendo così a marcare quattro mete durante l’incontro e guadagnando il punto di bonus previsto dal regolamento. In linea di massima i liguri gestivano meglio le rimesse laterali, i punti d’incontro proponendo un bel gioco dei trequarti, aiutati anche dalla poca pressione in fase difensiva dei biancoblu. Nel complesso il Cuneo Pedona metteva in campo la solita tenacia e determinazione, ma i molti falli fatti ed il gioco piuttosto statico, portavano un maggiore dispendio di energie rispetto agli avversari, che amministravano meglio l’incontro e chiudendo vincitori con il punteggio di 27/57.

(ancora il fotografo Nando Murgia ci regala una immagine tratta da CFFS Cogoleto&Province dell'Ovest vs Cuneo Pedona)


Anche il Cuneo Pedona pratica attività nel movimento femminile e, l’altra domenica, agevolate da un clima quasi primaverile, le ragazze del club biancoblu hanno preso parte a Moncalieri ad una giornata della Coppa Italia Sevens. Al campo “ Glauco Giacomelli” le cuneesi si sono distinte ancora una volta per impegno e tenacia, portando a casa un buon risultato e dimostrando di essere in continuo miglioramento, partita dopo partita, allenamento dopo allenamento. L’Under 14 ha vinto la gara con una vittoria ed un pareggio, e l’U/16 in prestito al Rivoli ha predominato sulle avversarie. Intanto, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la “Zonta International” e la F.I.R. continuano insieme il programma di sensibilizzazione contro questo grave, e purtroppo ricorrente problema. 


Domenica anche a Moncalieri è stata osservata la cerimonia del silenzio, simbolo del rispetto e dell’attenzione verso le donne; l’intento è di coinvolgere e sensibilizzare tutto il pubblico presente.

giovedì 26 novembre 2015


FESTIVAL UNDER 14 AD IMPERIA. Domani, ovvero l’ultimo sabato del mese di novembre, al campo “Pino Valle” d’Imperia, in località Baitè, è in programma un test selettivo regionale degli Under 14. Questa è un’età molto particolare, formativa del giovane atleta, come quasi in tutte le attività sportive e così ovviamente anche nel rugby.
(Alessandro Bottino, Responsabile Tecnico Liguria FIR ai microfoni di rugbytotale.blogspot.com


 In Liguria si cura molto questa categoria, e abitualmente si svolge attività nei fine settimana con test programmati da tempo dal Comitato Ligure capitanato da Oscar Tabor, e da ottobre si sono sviluppati diversi confronti tra le Società del rugby regionale al Carlini di Genova, ma anche ad Imperia, Savona, Sant’Olcese, Recco, Genova/Prà, mettendo in campo un buon numero di giovani atleti. Riteniamo che tutti vorrebbero far parte della selezione regionale ligure che si confronterà nel tempo in vari tornei di buon livello tecnico.

(Nella foto di MARIO CAMPI, Gian Luca Cartoni, allenatore di III livello allena i ragazzi del CdF Recco)


“ Attualmente la distribuzione geografica degli atleti – afferma Alessandro Bottino – Responsabile Tecnico Regionale FIR per la Liguria – è ancora Genova centrica, infatti è la Società del Genova Rugby che propone i ragazzi di questa età di maggior qualità tecnica. A differenza di anni fa, però, vi saranno molti piu’ ragazzi provenienti dalle altre Società della regione. Negli anni passati spesso e volentieri le varie selezioni liguri giovanili erano composte da ragazzi del Genova Rugby e della Pro Recco ora non è piu’ così, e questo vuol dire che tutte le Società stanno remando nella direzione giusta, e stanno uscendo bravi promettenti giovani anche da altre realtà rugbistiche. Dopo questa partita – in famiglia – uscirà una selezione massimo di venticinque atleti – prosegue Bottino - che prenderanno parte ad un primo torneo. Gli esclusi non saranno ovviamente estromessi definitivamente, primo in quanto abbiamo in programma altre occasioni con ulteriori importanti tornei, secondo i ragazzi a questa età cambiano sia dal lato fisico che atletico, pertanto hanno tutti concrete possibilità di rientrare in queste selezioni formative.”

 Intanto “Sancho” Bottino continua a seguire tecnicamente, agevolato principalmente da Diego Galli, Gian Luca Sandri e Gian Luca Cartoni, l’intensa attività dei Centro di Formazione di Recco. 
PUR LOTTANDO SINO ALLA FINE gli Aquilotti di Gilles Berthomier hanno dovuto alzare bandiera bianca con la capolista Savona, che si è imposta 11/3, punteggio che la dice lunga su quanto la gara sia stata combattuta anche se i padroni di casa hanno avuto per larghi tratti in mano il pallino del gioco, e sono stati nettamente superiori in mischia ordinata.

(il pilone Hernan Herenù allena anche il pack spezzino, e negli anni precedenti ha giocato anche con CUS Genova e CFFS Cogoleto, foto di NANDO MURGIA)

“La nostra stagione agonistica era cominciata molto male proprio per il reparto di mischia – dice Hernan Herenù, pilone e allenatore del pack spezzino – e soprattutto per l’assenza di alcuni atleti indisponibili per impegni personali e di lavoro. Piano piano ci siamo assestati e diamo del filo da torcere a tutti. Ad Imperia, soprattutto, abbiamo avuto il massimo rendimento espugnando il difficile campo del Pino Valle. Ora siamo in grado di attuare anche un certo turn over, ed anche io personalmente pur avendo trentotto anni, mi rendo disponibile al collettivo, magari subentrando nel secondo tempo. Purtroppo la penalità subita degli otto punti ha condizionato tutta la prima fase del Campionato di C/1, e la prossima indisponibilità di Tommaso Ruggeri, capitano ed elemento trainante dello Spezia che andrà a lavorare ad Amsterdam, complicheranno un poco le cose, ma ritengo comunque che ci giocheremo tutte le nostre carte in questi ultimi quattro confronti, e se saremo costretti al girone Salvezza riusciremo a primeggiare. “

Al Fontanassa di Savona si sono affrontate due ottime squadre, il Savona primo in classifica con l’attacco piu’ prolifico del girone, e lo Spezia che al momento risulta essere la formazione che ha subito meno punti di tutte le altre. Ne è scaturita una gara avara di occasioni da meta, una sola messa a segmo dal Savona, ma molto interessante sotto ilo profilo dell’intensità agonistica, mai scaduta in scorrettezze e palpitante perchè incerta fino al fischio finale dell’arbitro Fabio Franchini, che ha ben diretto il match. Il primo tempo si è concluso 5/3 per il Savona. Primo ad andare in vantaggio lo Spezia su calcio di punizione di Luca Gabrielli, pronta la replica dei padroni di casa che trovano la meta in maniera un po’ fortunosa: palla calciata dai biancorossi che schizza fin dentro l’area di meta dello Spezia, l’aquilotto Marco Sturlese in vantaggio sugli accorrenti avversari si lancia sulla palla per annullare, sembra fatta ma l’arbitro è di tutt’altro avviso e assegna la meta ai padroni di casa sul successivo “schiacciato” di un giocatore del Savona. Prima del riposo gli Aquilotti gli Aquilotti sciupano una buona occasione per segnare dopo una penetrante azione della linea dei trequarti, ma anche il Savona si “mangia” le mani per una meta sfumata dentro l’area spezzina con palla tenuta alta dai difensori levantini. Dopo dieci minuti dall’inizio della ripresa lo Spezia cperde, per infortunio, la terzacentro nonchè capitano Tommaso Ruggeri; con la sua uscita dal campo diviene ancora piu’ complicata la tenuta in mischia ordinata, ora dominata dai padroni di casa, anche se gli aquilotti lottano senza risparmiarsi riuscendo in qualche occasione a farsi valere. Intorno alla metà del secondo tempo i padronbi di casa aggiungono sei punti in carniere mettendo a segno due calci di punizione con Andrea Costantino sull’11/3, e ilo Savona prova a chiudere la gara ma come detto lo Spezia sa difendere molto bene e i biancorossi non passano. A dieci minuti dal termine l’arbitro espelle il mediano di mischia Adil Tabì e lo Spezia si ritrova a dover giocare in inferiorità numerica fino alla fine delo match. E’ chiaro che risalire nel punteggio a questo punto è quasi impossibile per i ragazzi di Gilles Berthomier che nel tentativo di recuperare dei palloni per riproporsi in attacco, “forzano” sui pujnti d’incontro commettendo inevitabilmente qualche fallo di troppo. Savona ha così l’opportunità di aumentare il vantaggio ma fallisce ben tre calci di punizione. La gara si chiude senza che il risultato cambi piu’: Savona 11 Spezia 3. Nello Spezia da segnalare l’eccellente esordio stagionale di Umberto Conte, Fabio Perdixi e Michael Guerrera. Ora il cammino degli aquilotti poer agguantare il terzo posto in classifica che da diritto a partecipare alla seconda fase nel girone promozione si fa veramente duro, anche perchè l’Union Riviera consolida la sua posizione in graduatoria avendo battuto in trasferta l’Amatori Genova. Lo Spezia ha giocato con: Fascio, Hall, Tonelli, Francesconi, Sotgiu, Gabrielli, Tabì, Sturlese, Ruggeri, Perdixi, Costa, Patanè, Actis, Montini, D’Eredità. In seguito sono subentrati Virgilio, Conte, Zangani, Salati, Currò, Guerrera, Prokupija.
Questo Campionato di Elite, per l’Under 18 del CFFS Cogoleto & Province dell’Ovest, è in assoluto il primo, e l’esperienza in simili tornei è senza dubbio molto formativo per i ragazzi messi in campo con avversari di buon livello. Le Zena Wasps di Paolo Ricchebono domenica passata sono stati ospiti allo storico Stadio Mario Giurati” di Lambrate del CUS Milano, ed il risultato sfavorevole ai liguri (32/26) lascia un poco di amaro in bocca.

(L'U/18 delle Zena Wasps in attacco, qui in un test contro il Monferrato nella foto di NANDO MURGIA)


“ Avevamo una partita alla nostra portata – ammette il coach Ricchebono – abbiamo avuto momenti da alta prestazione, alternati da altri con energia ridotta. Siamo riusciti a pareggiare il conto delle mete (quattro a testa n.d.r.) ma loro sono riusciti a gestire meglio i calci a loro favore. Tiravamo piu’ a giocare la palla, ma eravamo troppo frenetici, e così abbiamo sprecato alcune ghiotte occasioni per almeno pareggiare anche nel punteggio. “
Un risultato simile porta in classifica alle Zena Wasps un punto di bonus per le quattro mete segnate da Pressenda (doppietta), Benea, Olivieri, ed un’altro arriva per il distacco limitato sotto i sette punti. Insomma nonostante la sconfitta questa partita assume l’aspetto quasi di una vittoria.
“In squadra abbiamo alcuni ragazzi che meritano ampiamente di giocare in questo girone di elite – afferma Paolo Ricchebono – altri stanno lavorando per arrivarci, certo ci stiamo provando ed in questi contesti si richiede precisione ed impegno in ogni momento. Per alcuni non è stato ancora acquisita la giusta mentalità per questo tipo di campionato, e comunque questo torneo è occasione di grande crescita tecnica per questi ragazzi. Il nostro obiettivo in tutti i casi rimane il raggiungimento almeno del terzultimo posto in graduatoria, questo per evitare retrocessione nel girone territoriale, tecnicamente inferiore, o eventuali spareggi settembrini.”

(foto di Nando Murgia)


Lo Stadio Mario Giuriati di Milano Lambrate, ad un passo dalla cittadella universitaria, un poco di anni fa ha vissuto momenti di grande rugby, anche internazionale, grazie all’Amatori poi divenuto Milan Rugby, ed anche Mediolanum, e veri big della palla ovale internazionale hanno concesso spettacolo vincendo numerosi scudetti, ma soprattutto offrendo grande spettacolo rugbystico. Per la cronaca quel Superclub, sino che è esistito, ha messo in campo veri assi della palla ovale come Campese, Properzi, i fratelli Cuttitta, Berni, Dominguez, Pedroni, Vaccari, Gomez, Turner, Croci, Giovanelli, Ghini, e solo per citarne qualcuno con gli allenatori Guy Pardiès e Mark Ella. Conquistò quattro scudetti tra il 1990 e il 1996, una Coppa Italia nel 95, prese parte alla Heinekn Cup vincendo un solo incontro (23/22) con Leinster, e in quel club giocò anche il sestrese Paolo Ricchebono.


(Paolo Ricchebono con il grande Diego Dominguez, ex compagni di squadra nel Superclub del Milan/Mediolanum)


“Al Giuriati, dopo quello splendido periodo durato quattordici anni – ammette Ricchebono – e di ricordi ne conservo veramente tanti, ci sono stato solo due volte con domenica scorsa e per me ritornare sul quel terreno di gioco è sempre emozionante, e non potrebbe essere altrimenti!”
Le Zena Wasps U/18 a Milano hanno utilizzato: L. Simcich, Barisione (Cappelli), Valla, G. Simcich, Ugolini, Zini, Mozzi, Pressenda, Magnani, Benea (Garcia), Scarpa, Repetto, Olivieri, Bortoletto, Agostino.

Ora il campionato U/18 di elite osserverà due turni di riposo, e riprenderà domenica 13 dicembre con la sesta giornata del girone di andata con la sfida casalinga tra Cogoleto&Province con VII Torino.
I PROGRAMMI DEL MONFERRATO RUGBY. Impegno casalingo per il Monferrato/A Under 16, in gara nel Girone Piemontese,  con appuntamento per sabato 28 novembre alle 16,30 al “Lungotanaro” di Asti con il Moncalieri. I leoni del Monferrato saranno impegnati in un match che sulla carta risulta alla portata e che servirà per continuare la crescita tecnica e tattica della squadra.

 L’Under 16/B, impegnata nel Girone Ligure/Piemontese, invece, sarà in gara a Genova allo Stadio Carlini alle ore 11,00 con la terza formazione del GenovaRugbyLevante, e sarà occasione per i ragazzi monferrini di recuperare importanti punti in classifica generale e continuare la crescita. Fermi i campionati maggiori, il Monferrato Rugby e il Novi Ligure si troveranno domenica 29 novembre alle 12,30 al campo “Ferrovieri di Alessandria per un allenamento congiunto. Sarà occasione per il Monferrato per tenere alta la concentrazione dei propri atleti mentre per i novesi sarà occasione di conoscere, collaborare e integrarsi ad una realtà ormai consolidata e in costante crescita.

mercoledì 25 novembre 2015

OTTIMA PROVA DELL’UNDER 18 DEL CUNEO PEDONA. I biancoblu  hanno affrontato al Piccapietra i ragazzi dell’Union Riviera, squadra d’Imperia, ultima in classifica, ma non per questo da sotto valutare. I cuneesi entrano in campo decisi, imponendo il loro gioco dal primo minuto.

(Una touche vinta dal Cuneo U/18 nella foto di PAOLO PENDOLA)

 E’ il primo centro Marchisio che segna la prima meta, con una bruciante accelerazione preceduta da una solida azione di squadra. Questa è la prima meta di una lunga serie che i ragazzi di mister Albertini metteranno a segno. Qualche minuto dopo, infatti, il Pedona è di nuovo nei 22m avversari, e a seguito di una touche giocata velocemente dal mediano di mischia e capitano del tesm Brasher, per l’attento e rapido vice capitano Niccolò Giraudo, il Cuneo difatti torna a schiacciare in meta con l’esordiente ala Prelli. Il quindici di casa dimostra di saper gestire la partita non lasciando spazio ad azioni offensive avversarie. A metà del primo tempo il secondo centro Rezzaro segna una meta, seguita da un’altra segnata nuovamente da Prelli, che rompe il placcaggio del suo diretto avversario e corre in meta. A fine primo tempo il punteggio è di 26/3. Nel secondo tempo il Cuneo rientra in campo  con una lunga serie di cambi, che si rivelano adeguati. Nonostante una meta subita nei primi minuti i cuneesi riprendono in mano la partita tornando a segnare con la secondalinea Sommacal. Imponendo continuo gioco offensivo il Pedona si ritrova a giocare nella metà campo dei liguri, segnando una meta con l’ala Canavese, che dimostra prontezza e velocità scartando il suo diretto avversario. Successivamente, con la ripresa del gioco, Sommacal recupera il pallone sul calcio di rinvio e, con una corsa di cinquanta metri, torna a schiacciare in meta.


 Azione simile a quella che si ripete qualche minuto dopo, in cui lo stesso Sommacal a seguito di un’altra corsa ricicla il pallone al talloneur Olla che, scartato l’estremo, si trova solo davanti alla linea di meta. Non passa molto tempo che i ragazzi di Cuneo sono nuovamente in meta con il numero 8 e vfice capitano Giraudo. Durante i minuti finali della partita il Pedona non cede ancora alla stanchezza e segna ancora un’ultima meta, ancora con il secondo centro Rezzaro. La partita si conclude con un soddisfacente 60/8, che rimette i ragazzi di Albertini in gioco nel campionato. Si sono distinte le prestazioni di Puatard, che ha fatto il suo esordio e di Dutto, che ha confermato i miglioramenti dimostrati in allenamento. Ottima la gara di Alifredi, Renaudo e Malavolti, che pur partendo dalla panchina hanno dato un grosso contributo alla vittoria del Cuneo.

FONTE: UFFICIO STAMPA CUNEO PEDONA RUGBY.

SUPERCHALLENGE U14: CHE SPETTACOLO A NAPOLI Per la prima volta nella sua storia il  Superchallenge U14  ha fatto tappa al Sud e, p...