venerdì 30 settembre 2016


I DUE NUOVI ULTIMI RINFORZI DEL CUS GENOVA, quindi, sono già a Genova, e venerdì sera si sono allenati al Carlini con tutti gli altri atleti della prima squadra che, domani pomeriggio sarà di scena nella prima giornata del Campionato di Serie A (ore 15,30) al campo “Nando Capra “ di Noceto con il club locale. Una sfida storica, in quanto la formazione gialloblu parmense nel tempo ha già incontrato gli universitari genovesi, frequentando l’antica Serie A, quando non esisteva ancora l’Eccellenza.

(nella foto di RUGBYTOTALE, Stefano Bertirotti, dirigente del CUS Genova)

“Oltre agli altri acquisti effettuati durante la scorsa estate – dice STEFANO BERTIROTTI, Responsabile Sezione Rugby del CUS Genova – sono a disposizione del nuovo coach, l’inglese Tosh Askew, anche l’australiano JAKE LUBRANO, mediano di mischia ed apertura, o anche trequarti, e l’argentino JAVIER NIEVAS. Quest’ultimo è un pilone destro, proprio quel ruolo che nella nostra squadra era scoperto, ha ventotto anni di età ed a giocato nel suo paese al Tucuman, ma in questi ultimi due anni ha difeso i colori del club neozelandese del Waitako. Atleta di buona esperienza, dunque, quello che ci voleva per completare l’assetto tecnico del club.”

(Nella foto JAKE LUBRANO, australiano di Alstonville nel New South Wales)

La sfida con il Noceto, formazione neopromossa,  non è assolutamente da sottovalutare, e quasi sicuramente ci sarò l’esordio per tanti atleti del tutto nuovi per questa categoria. Leveratto, Zini e Ricca, provenienti dal CFFS Cogoleto&Province dell’Ovest, e cresciuti rugbisticamente con gli ORSI di Paolo Ricchebono promettono faville, ma anche il giovane estremo DHO, proveniente dall’Accademia, potrebbe risultare fondamentale per la squadra biancorossa.

“In seno alla squadra universitaria c’è molto entusiasmo – conferma BERTIROTTI  - c’è molta voglia di giocare, di confrontarsi. La nostra squadra è molto nuova e la nostra linea arretrata forse sarà anche un poco leggerina, ma chissà che non riusciremo a giocare un buon rugby!”
Intanto giovedi prossimo (6 ottobre 2016) all’interno della splendida Stazione Marittima di Genova, a Ponte dei Mille, il CUS Genova presenterà ufficialmente squadra, dirigenti, tecnici e programmi stagionali.
IL PROGRAMMONE
La prima domenica di ottobre si presenta con un programma ricco di appuntamenti, e con ben tre Campionati seniores alla prima giornata di gare. Soprattutto, dopo la lunga sosta estiva, comincia la Serie A, impostata come ormai da tradizione su due gironi, e su due fasi ben distinte.
(La Pro Recco Rugby nella foto di Luigi Galli)

 Dopo la fase iniziale, infatti, che si concluderà il 15 gennaio 2017, si svilupperanno le due fasi Promozione e Salvezza, con semifinali play off per il 7 e 14 maggio, e Finale Scudetto il 21 maggio 2017. E proprio l’anno scorso la Pro Recco di Villagra e Galli raggiunse questo confronto, fallendo pero’ l’obiettivo finale cedendo con il piu’ forte Conad Reggio Emilia, ora in Eccellenza. La Pro Recco riparte così con il confronto casalingo del Carlo Androne (ore 15,30 arb. Stefano Pennè di Crema) affrontando l’Accademia Ivan Francescato (* piu’ in basso l’elenco atleti dell’Accademia), insidiosa come sempre, e tra gli avversari ci sarà anche Leonardo Quintieri, atleta proveniente dalle categorie giovanili del club rivierasco e con una possibile carriera ad alto livello. Il Recco, dopo quattro anni d’imbattibilità casalinga, ha modificato un poco la formazione, mantenendo la linea mediana vincente Villagra/Agniel, e completando con buoni rinforzi le partenze estive di alcuni rugbisti che a Recco hanno trovato il trampolino di lancio verso Club di serie superiore. Nel Girone 1, oltre al Recco l’altra formazione ligure dell’Eco Eridania CUS Genova, rappresenta una certa novità in quanto rispetto alle altre avversarie, Medicei esclusi, è senza dubbio la squadra che piu’ delle altre ha rinnovato il parco giocatori.

(Il trainer inglese di Stoke-on-Trent, TOSH ASKEW allena il CUS Genova da poco piu' di un mese)

 Fondamentale poi anche il cambio tecnico impostato dallo staff dirigenziale universitario, e con il coach britannico TOSH ASKEW le sorprese sono assicurate! CUS Genova dei giovani, improntati al classico gioco alla mano e alla velocità di esecuzione, almeno così si è intuito dopo qualche amichevole disputata nel precampionato, ma domani al “Nando Capra” di Noceto (arb. Andrea Spadoni di Padova) lo attende il club gialloblu, che possiede una invidiabile scuola di rugby. La serie A parte con Pro Recco – Accademia, Noceto – CUS Genova, I Medicei Firenze – Cavalieri PratoSesto. Nel Girone 2 Valpolicella – A.S.R. Milano, Junior Brescia – Colorno, Parabiago – Verona.
(Esordio casalingo per le Zena Wasps qui nella foto di NANDO MURGIA)

SERIE B prima giornata per l’altra liguri del CFFS COGOLETO&PROVINCE DELL’OVEST, all’esordio casalingo (Marco Calcagno ore 15,30 arb. Jacopo Fioravanti) con i piemontesi del Biella, formazione comunque insidiosa e rinforzata durante l’estate scorsa. La Serie B sarà seguita, nei limiti del possibile, anche da RUGBYTOTALE, e tra le varie curiosità si evidenziano i numerosi derby piemontesi in programma tra Monferrato, VII Torino, CUS Torino, Biella, quelli lombardi tra Sondrio, CUS Milano, Lecco, Rovato quello sardo tra i due Amatori Alghero e Capoterra e l’unico club emiliano inserito nel gruppo, il Piacenza. La Serie B è impostata su quattro gironi  all’italiana di dodici squadre con partite di andate e ritorno. Le prime due classificate per Girone  si affronteranno in un play off di andata e ritorno (21 e 28 maggio) che determinerà le quattro promozioni nella Serie A 2017/18. Il Girone 2 si presenta con Romagna, Bologna, Reno Bologna, Parma, Amatori Parma, Modena, Jesi, Vasari Arezzo,  CUS Perugia, Florentia, Viterbo e Livorno. Girone 3 con Petrarca Padova/B, Roccia Rubàno, CUS Padova, Villorba, Silea, Grifoni Oderzo, Mirano, Villadose, Caimani, Paese, Feltre, Bergamo. Girone 4 con Paganica, Avezzano,  CUS Roma, Civitavecchia Cemtucellae, Arvalia Villa Pamphili Roma, Unione Capitolina/B, Colleferro, Partenope Napoli, Napoli Afragola, Reggio Calabria, Amatori Catania, Amatori Messina.
(Amatori Genova targata Marshallsay, Paul è l'allenatore ed il fratello David gioca titolare nel team - foto di LAURA ROAGNA)

  In Serie C retrocederanno le ultime due squadre classificate nei rispettivi gironi. Domani comincia anche la Serie C1 suddivisa su due gironi. Rugbytotale seguirà piu’ da vicino le vicende delle squadre liguri dell’Amatori Genova, al suo secondo anno in questa categoria nazionale, l’Union Rugby Riviera e il Savona nel girone 2, ma anche i piemontesi del Volvera inseriti nel girone 1.  Tradizionalmente RUGBYTOTALE seguirà ancora la Serie C2 Girone Piemonte, ed in particolare le vicende agonistiche dei club limitrofi al confine ligure. Novi Ligure e Lions Tortona in particolare (gli ormai vecchi amici non si scordano mai) ma anche tante news da Cuneo, dalla franchigia del Monferrato che metterà in campo la seconda squadra allenata da Maurizio Perin, dalle Tre Rose di Casale. Novità anche dalla Val Tanaro con una nuova formazione proveniente dall’attività dell’UISP, e dall’esordio assoluto del CUS Piemonte Orientale, che sarà allenata dall’alessandrino Dario Piccinin, e che proprio domani mattina (ore 10,00) a Giarole (AL) presenterà ufficialmente la squadra seniores. In questo girone ritorna a gareggiare una formazione ligure, e la seconda squadra della Pro Recco potrebbe anche competere ad alto livello, grazie all’ampio parco atleti del club. C2 impostata su due gruppi e nel Girone 2 composto da Collegno, Avigliana, M.A.C., Moncalieri, La Drola di Torino, le due seconde squadre di Biella e VII Torino ci si attende attività a tutto tondo, e tanto divertimento! La C2 inizierà domenica 9 ottobre.  Per le attività giovanili inseriamo di seguito una parte del Comunicato del Comitato Regionale Ligure.

(* Gli atleti dell’Accademia Ivan Francescato)
Arcadipane e Licata (Miraglia Agrigento), Bacchi (Viadana), Bianchi, Mancini Parri (Vasari Arezzo), Biondelli, Mantovani e Pomaro (Femi CZ Rovigo), Blessano, Crosato (Villorba), Braggiè (C’E’ L’Este), Canali e Moriconi (Rugby Roma Club), Cannone (Florentia), Casilio e Romano (Polisp. L’Aquila),  Ceciliani (Delebio), Cornelli (SITAV Lyons Piacenza), Costella e Luccardi (Colorno),  D’Onofrio (Benevento), Fischetti, Panunzi e Vaccari (Unione Capitolina Roma), Fontana (Monza), Forcucci (Roma Legio Invicta XV), Gavrilita (Calvisano), Ghigo (CUS Torino), Mordacci  (Amatori Parma), Mori (ASR Milano),  Piantella (Vicenza), Quintieri (Pro Recco), Rizzi (Mogliano), Testa (Napoli Afragola), Wrubl (Bergamo).

Allenatore Fabio Roselli assistant coach  Andrea Moretti.  

UNDER 18 GIRONE 1 ELITE (I GIORNATA ANDATA ORE 12,30)

CFFS Cogoleto&Province dell’Ovest – Rovato (Campo Marco Calcagno di Cogoleto arb. Fabio Franchini)A.S.R. Milano – CUS Genova (campo Curioni di Segrate)Calvisano – ViadanaVII Torino – CUS MilanoMonferrato – FTGI ReccoSpezia (Campo LungoTanaro di Asti)UNDER 16 - IV TURNO FASE DI QUALIFICAZIONE AL GIRONE ELITE  - POULE ACCESSO(domenica 2 ottobre 2016)A.S.R. Milano – Rugby Parabiago (ore 11,00 campo Curioni di Segrate –Idroscalo Milano)CUS Torino Rugby – Monferrato Rugby ( ore 11,00 campo Albonico di Grugliasco)Le due squadre vincenti il quarto turno accedono definitamente al Girone Elite Zonale. Le due squadre perdenti accedono al quarto turno poule ripescaggio. POULE RIPESCAGGIORugby Lecco – CUS Genova (ore 12,30 campo del Bione Lecco)VII Rugby Torino – Amatori&Union Rugby Milano (ore 11,00 campo Comunale di Settimo Torinese)Rugby Mantova – Velate Rugby 1981(ore 12,30 campo Migliaretto di Mantova)Imperia Rugby – Rugby Bassa Bresciana Leno (ore 12,30  campo Pino Valle  d’Imperia)Rugby Rho – Rugby Fiumicello (ore 11,00 campo Molinello di Rho)Rugby Rovato – Cuneo Pedona (IL CUNEO HA RINUNCIATO)Le sei squadre vincenti il terzo turno accedono al quinto turno poule ripescaggio, mentre le altre sei squadre perdendo SONO ELIMINATE. UNDER 14Amatori Genova – Pro Recco (ore 12,00 Oval Stadium di Sant’Olcese arb. Alexandra Shulgina) SERIE A FEMMINILE - GIRONE  2 (I GIORNATA ANDATA)CUS Pisa – CFFS Cogoleto&Province dell’Ovest (arb.  Leonardo Masini)Montevirginio – BolognaBelve Nero Verdi – FrascatiDonne Etrusche – Prato
















SERIE B – BIELLA IN TRASFERTA A COGOLETO PER LA PRIMA DI CAMPIONATO.
Prima giornata ufficiale del Campionato di Serie B, domenica 2 ottobre. Il Biella Rugby inizierà la stagione agonistica in trasferta, i primi avversari, i liguri neopromossi del Cffs Cogoleto&Province dell’Ovest. Poche le notizie riguardanti la squadra rivierasca, incontrata solo in un lontano passato quando la prima squadra di Biella militava in Serie  C. Dopo aver vinto la pool 2, girone D del Campionato di C1 il team ligure è stato sconfitto nello spareggio dal Monferrato. Ripescato, ha accettato la sfida della Serie B persa sul campo.

(nella foto Callum McLean)

 Per affrontare il nuovo impegno, sicuramente avrà chiesto rinforzi dalle numerose squadre liguri vicine a loro.  Difficile al momento, ipotizzare loro punti di forza o debolezze. Biella reduce da due mesi intensi di preparazione e diversi incontri amichevoli, non vede l’ora di scendere in campo per cominciare questa nuova avventura. Il clima è frizzante e la competizione per meritarsi un posto da titolare è altissima. La novità degli ultimi giorni è la scelta da parte della squadra, del capitano, che per questa stagione saranno due: Cristian Gatto e Filippo Musso, due leadership e due stili di gioco molto diversi, ma entrambe necessari per affrontare ed interpretare le diverse situazioni in un campionato tanto vario e complesso.
Coach MC LEAN è il primo ad essere impaziente: “Siamo tutti pronti ad iniziare questo campionato. Il bilancio di questi mesi di preparazione e dei test fatti, danno la squadra in crescita, è arrivato il momento di metterci alla prova sul serio. Non ci importa parlare degli avversari, in accordo con i ragazzi, per tutto il girone di andata, rimarremo concentrati sul nostro gioco, dandoci micro obiettivi ad ogni partita. Domenica, e finchè il tempo lo permetterà, cercheremo  di sfruttare tutta la larghezza del campo e muovere la palla il piu’ possibile. Non ho ancora deciso in merito alla formazione. Gli unici certi al momento sono: Gatto, Musso, Ongarello, Forestier e i nuovi Pallaro, Gorla e Murgier.
(Una foto tratta da Biella vs Parabiago)


 La cosa bella che abbiamo al momento è avere una grande squadra con tanti ragazzi in competizione per meritarsi di giocare. Chi rimarrà fuori questa volta, non deve considerarsi escluso, ma dovrà solo lavorare ancora di piu’ per entrare nei ventidue.”
Kick off ore 15,30.
La squadra Femminile gialloverde gioca, invece, domenica mattina (dalle ore 11,00) a Biella il triangolare per la categoria Under 16 con Rivoli e CUS Torino. Contestualmente si terrà un torneo per la categoria Under 14.
Alle 12,30 sempre a Biella incontro amichevole con il Parabiago.


(con la collaborazione di Paola Giacchetti) 

giovedì 29 settembre 2016

SABATO 1 OTTOBRE 2016 A BIELLA RUGBY OPEN DAY.

Il Biella Rugby apre le porte a tutti, offrendo la possibilità, a chi lo desidera, di scoprire da vicino chi siamo, il nostro sport e le nostre strutture. Sono i benvenuti tutti i ragazzi e le ragazze a partire da 5 anni di età. Per quelli piu’ piccoli, la possibilità di scoprire Rugby Tots Pralpi, a loro dedicato.
PROGRAMMA DELLA GIORNATA:
-        ORE 15,00 Ritrovo dei partecipanti
-        “       15,30 Inizio delle attività
-         “      17,00 Il vostro primo Terzo Tempo.
-        Ad attendervi troverete tutto lo staff tecnico del Biella Rugby Club e molto atleti della squadra Senior.

Si raccomanda di di portare abbigliamento sportivo e scarpe da ginnastica.
 
Una società sportiva ha anche una missione educativa? Certamente sì. Ne è convinta anche la Federazione Italiana Rugby del Friuli Venezia Giulia che ha deciso di adottare il codice etico delle società sportive ideato e promosso da FriulAdria Crédit Agricole. 
L’iniziativa verrà suggellata e proposta a tutti club rugbistici della regione durante il Galà del rugby in programma sabato 1 ottobre alle ore 17.30 nell’auditorium della Regione di via Sabbadini a Udine. Il grande happening, come da tradizione, vedrà in passerella i protagonisti della pallaovale made in Friuli Venezia Giulia. Molto ricco l’ordine del giorno: si inizierà la presentazione della nuova rivista Time4Rugby, realizzata proprio dalla delegazione della Fir friulgiuliana, esperiemento pilota di una nuova iniziativa editoriale che si allargherà nel prossimo futuro a tutti i comitati regionali. 

Si passerà poi alla premiazione dei tre principali "colpevoli" della massiccia diffusione del rugby in Friuli Venezia Giulia negli ultimi anni, i responsabili dei Progetti scuola:  Paolo Quirini (Pordenone), Erio Salvagno (Udine), Tullio Salvador (Trieste). Premiato anche Marius Mitrea, arbitro della Sezione di Udine, oggi il miglior "fischietto" italiano e tra i più interessanti prospetti del panorama internazionale. Ci sarà quindi la presentazione di tutte le squadre regionali ai nastri di partenza della nuova stagione agonistica. Saranno presenti il presidente del Coni regionale, Giorgio Brandolin, e il consigliere nazionale della Fir, Fabio Beraldin. 
Durante l’incontro, il presidente della FIR regionale Francesco Silvestri e un rappresentante di FriulAdria Crédit Agricole illustreranno i contenuti e le modalità di adozione del codice etico da parte degli organi federali e delle società sportive affiliate.
“Grande è la responsabilità di dirigenti, allenatori e preparatori nei confronti dei giovani loro affidati e nei confronti delle loro famiglie che desiderano per i propri figli la sicurezza di un ambiente sportivo sano e protetto – spiega il responsabile del Servizio Comunicazione e Soci di FriulAdria Fabrizio Prevarin - Da questo principio nasce l’idea del codice etico delle società sportive che proponiamo a tutte le realtà con le quali siamo in contatto. Si tratta di un patto simbolico che impegna tutti i portatori di interesse della società sportiva – amministratori, dirigenti, staff medico, preparatori, atleti, famiglie, tifosi, sponsor - ciascuno nel proprio ambito, a rispettare e promuovere i valori di lealtà, trasparenza, correttezza e fair play”.

“Con FriulAdria Crédit Agricole abbiamo condiviso fin da subito l’attenzione per lo sport giovanile, per i vivai, per la lotta al doping e più in generale per la promozione di una cultura sportiva che sia anche strumento di prevenzione sociale e sanitaria – ha dichiarato il presidente della FIR regionale Francesco Silvestri – è inoltre un motivo di orgoglio per tutto il movimento che rappresento poter operare a livello locale con un partner che fa parte del gruppo bancario sponsor della Nazionale di rugby”. 

(by  Pier Giorgio Grizzo add/comunicazione Deleg.Reg. Rugby Friuli Venezia Giulia)

TERZO TEMPO SPECIALE A CALVISANO

Domenica 2 ottobre 2016 dalle ore 18,30 presso la Club House Rugby Calvisano lo sport della palla ovale si fa testimonial della festa 3° TEMPO per “CHI PENSA IN MANIERA DIVERSA” con birra, salamine e musica per sostenere  LA CASA SULL’ALBERO (www.lacasasullalberobrescia.altervista.or), la Cooperativa Sociale-Onlus che si presenta come centro abilitato dall’ASL di Brescia per la diagnosi e la certificazione dei disturbi specifici dell’apprendimento e centro di promozione di competenze strategiche, messe a disposizione di bambini e ragazzi che incontrano difficoltà. Rugby Calvisano ha raccolto con piacere l’invito ad offrire gli spazi del suo TERZO TEMPO per una festa, un momento di spensieratezza, a favore di bambini bisognosi e a farsi testimonial di una ottima causa. Saranno presenti per fotografie e una birra in compagnia i giocatori della prima squ8adra del Patarò Rugby Calvisano. Il ricavato della festa sarà totalmente devoluto in beneficienza alla Cooperativa Sociale-Onlus-La Casa sull’albero.


Il biglietto d’ingresso al costo di Euro 20,00 comprende pane e ‘salamina’ (offerta da Italmark), birra/bivita e fetta di torta (offerta dal Ristorante Zanella) è in prevendita c/o la segreteria del Rugby Calvisano o direttamente al Peroni Stadium domenica 2 ottobre.

Fonte:  Pesaro Rugby
E’ ufficialmente nata la Paspa Pesaro Rugby. Acronimo che sottintende il “matrimonio” fra i kiwi giallorossi e la Pagano & Ascolillo Spa. Società che sarà il nuovo main sponsor della Pesaro Rugby per la stagione di serie A 2016-2017.
Un matrimonio celebrato oggi nella Sala Rossa del Comune di Pesaro alla presenza del “padrone di casa”, il sindaco Matteo Ricci, del presidente e direttore sportivo della Pesaro Rugby Simone Mattioli e Matteo Diotalevi, di una delegazione della squadra che da domenica 2 ottobre comincerà l’affascinante percorso della Serie A e di Massimiliano Ascolillo, direttore commerciale della Pagano & Ascolillo, azienda che opera nel settore dei lavori pubblici e privati per l’esecuzione di opere stradali, impiantistiche, tecnologiche, civili e infrastrutturali.
A fare gli onori di casa il sindaco Ricci che ha ricordato quanto l’imminente ottobre sia un mese particolare particolarissimo per lo sport cittadino: “a comiciare – dice – da una storica serie A del rugby che deve essere motivo d’ orgoglio per ognuno di noi pesaresi. Per la nostra amministrazione candidata a Città Europea dello Sport 2017, i successi del rugby rafforzano enormemente le nostre credenziali”. Ottobre mese importante dal punto di vista sia degli impegni sportivi, sia delle strutture pensate a sostenerlo: “I nostri tecnici – continua Ricci – stanno correndo perché la nuova tribuna sia al Toti Patrignani prima possibile. Tenteremo di farcela per la prima casalinga, non dovessimo riuscirci, la tribuna arriverà per la seconda gara. L’ingresso di Pagano & Ascolillo come main sponsor è un lodevole gesto di attaccamento alla città e un concreto sostegno allo sport anche nella sua parte sociale. Per i valori che il rugby esprime e per l’enorme movimento giovanile che cresce alla sua base”. “Pesaro è diventata la mia città da 17 anni – si presenta Massimiliano Ascolillo, campano d’origine -  Noi abbiamo quattro sedi sul territorio nazionale, ma Pesaro è il nostro fulcro di sviluppo commerciale”.
“Una città – continua - che ci ha dato tanto e siamo contenti di restituire fiducia sia alla squadra all’amministrazione”. La Pagano & Ascolillo Spa ha infatti con il Comune di Pesaro un appalto triennale dedicato al servizio di ripristino delle buche nel manto stradale cittadino. “Ci piace l’idea di sostenere una squadra – dice Ascolillo - i cui sforzi espressi sul campo si legano idealmente agli sforzi che facciamo anche noi ogni giorno per crescere e stare sul mercato”.

Sforzi che sono propri di una Pesaro Rugby che sta lavorando senza sosta per farsi trovare pronta alla serie A: “Alcune cose sono per noi tutte nuove” scherza il presidente Simone Mattioli ricordando in mattinata una telefonata dalla Questura “che – racconta – ci domandava se ci fossero necessità di servizio d’ordine pubblico per la nostra prima gara casalinga. Ed è solo una delle tante novità alle quali ci stiamo abituando lavorando in un’estate che è stata lunghissima e che non è ancora finita. E la ricerca degli sponsor è stata una parte centrale di questo lavoro. Un lavoro che continua. Perché il grazie che tributiamo oggi a Massimiliano Ascolillo si allarghi ad altri che finora hanno titubato. Massimiliano Ascolillo è un uomo di sport, sa cosa fa una società sportiva e noi siamo fiduciosi nel fascino del rugby. Che è uno sport dal quale, una volta avvicinatisi, è difficile separarsi”.
Pagano & Ascolillo si lega allo sponsor per una stagione, “ma vorrei – dice Ascolillo – che il discorso possa continuare. Il momento non è facile per nessuno, ma penso che il benessere di un’azienda non si misuri col suo fatturato, ma con il coraggio e la fiducia che servono ad intraprendere avventure come questa”.
Sulle maglie del Pesaro Rugby campeggeranno tre scritte: Pagano & Ascolillo, l’affiliata società pesarese Paspartu e la palestra Crossfit Factory Lab che diventerà anche la palestra del Pesaro Rugby.
Mattinata dedicata al main sponsor, ma impossibile non pensare ad una serie A che comincia fra quattro giorni: “Non si lotta più per vincere il campionato – ricorda Mattioli – ma il nostro obiettivo è conoscere più in fretta possibile la serie A per imparare a restarci. Perché il nostro posto deve essere fra i primi 30 club italiani”.
Fondamentale la vicinanza degli sponsor, altrettanta quella dei tifosi: “Cominciamo domenica a Benevento – conclude il direttore sportivo Matteo Diotalevi – E poi il 9 ottobre avremo in casa L’Aquila per un appuntamento storico. In tanti a Pesaro si appassionano alle vicende sportive della Nazionale, altrettanti speriamo imparino ad amare la squadra della propria città. E non c’è niente di meglio che cominciare affrontando un club che ha fatto la storia del rugby italiano come L’Aquila, appena retrocessa dal massimo campionato d’Eccellenza”.

(dal sito C.R. FIR Marche)
















C U S PO – E’ nata una nuova stella nel firmamento del rugby piemontese! Abbreviando il nome del club  lo stesso potrebbe trarre in inganno chiunque, figurandosi che la denominazione sia stata tratta  dal fiume piu’ lungo d’Italia, il Po dunque. Del resto avere come campo da gioco per le partite interne il campo sportivo di GIAROLE, che si trova a pochi chilometri dallo stesso fiume, ed a breve distanza da Valenza Po, potrebbe trarre in inganno molti.

(nella foto DARIO PICCININ, allenatore della prima squadra del CUS P.O.)

CUS PIEMONTE ORIENTALE, invece, è la giusta denominazione del club: ed in pratica è la sezione dedicata al rugby dall’Università ad Est di Torino e avrà come Direttore Sportivo Fabio Botteon, con la Supervisione Tecnica e Responsabile Scuola Rugby a Lorenzo Nosenzo. Head coach sarà l’esperto ex pilone alessandrino DARIO PICCININ, assistant coach Luigi Castucci, come preparatore atletico Fabio Bellora e Team Manager Marco Morbelli. Dirigente accompagnatore sarà Marco Costanza e la Responsabile Medica la dottoressa Annapaola Carosio.  La squadra del CUS Piemonte Orientale si allena normalmente al campo della Parrocchia di San Germano lungo la Strada per Alessandria a Casale Monferrato. 
(LORENZO NOSENZO, al centro immagine mentre istruisce i bimbi del minirugby alessandrino)

Il CUS P.O.     esordirà ufficialmente domenica 9 ottobre a Cuneo contro il Pedona, mentre la prima partita casalinga la giocherà la domenica successiva a Giarole con il Val Tanaro. Domenica prossima (2 ottobre) al campo sportivo di Giarole (ore 10,00) avverrà la presentazione ufficiale della Società di rugby con la presenza delle autorità locali e della Federugby piemontese.

mercoledì 28 settembre 2016


NELLA CORNICE del caffè letterario Baciccia, si è svolta la presentazione e la celebrazione del Piacenza Rugby, dei suoi componenti e degli obiettivi.
L’evento è seguito all’iniziativa “PORTA UN AMICO”, tenutasi al centro sportivo “Le Mose”: l’iniziativa è stata abbracciata con grande calore dai ragazzi e le ragazze del Piacenza Rugby, che hanno infatti potuto passare un pomeriggio insieme pieno di divertimento.


Durante l’evento di presentazione della squadra e della nuova stagione, si è svolta una lotteria, organizzata da Coro Marketing, in cui sono stati messi in palio dei buoni omaggio. Alcuni di questi premi non sono stati ritirati, e siamo qui ad elencarvi i numeri dei biglietti: n. 12 bianco, n. 14 azzurro, n. 15 azzurro, n. 18 azzurro e n. 26 azzurro. I proprietari di questi biglietti possono passare in Segreteria a ritirare la propria busta. 















La stagione del rugby femminile in Friuli Venezia Giulia è iniziata sotto i migliori auspici. La neonata rappresentativa regionale, guidata dal responsabile del settore femminile, Riccardo Sironi, ha partecipato nello scorso fine settimana al Torneo “Petternella” di Rovigo con due formazioni: la squadra Seniores ha ottenuto un brillante quarto posto, mentre l'Under 16 è stata protagonista di tre lusinghieri match, durante i quali, pur perdendo, ha dimostrato grandi potenzialità.  
“A seguito della buona riuscita dell'ultimo progetto scuola – spiega lo stesso Sironi -  culminato con la manifestazione disputata in villa Manin lo scorso 30 aprile, dove abbiamo fatto giocare più di 500 tra ragazzi e ragazze delle scuole, il presidente della Delegazione, Francesco Silvestri, avendo visto quante ragazze abbiamo portato a giocare, mi ha chiesto di seguire il settore femminile. Così, con Mario Ferraiuolo del Rugby Sile e Mauro Mezzaroma, che da Bagnaria Arsa ora si è trasferito a Monfalcone con una nuova società, attualmente le realtà del rugby Juniores femminile in regione, abbiamo deciso di cominciare a lavorare per far giocare le ragazze il più possibile. Per testare i numeri abbiamo organizzato degli allenamenti congiunti a Goricizza di Codroipo una volta la settimana, sia per le Juniores che per le Seniores”.

“Avendo un numero discreto di atlete – continua -  abbiamo iscritto una formazione Juniores ed una Seniores al Petternella di Rovigo. Le atlete appartenevano ai club di Tarvisio, Gemona, Monfalcone, Fogliano-Redipuglia e Codroipo. Risultati a parte, il nostro obiettivo è quello di raggruppare tutte le ragazze del territorio per farle giocare il più possibile e formare più squadre in regione, chiaramente oltre a quelle già esistenti, permettendo loro di confrontarsi. Le maggiori difficoltà sono di natura logistica, dal momento che le ragazze vengono da Tarvisio, Pordenone, Trieste. Per questo abbiamo pensato di andare anche nei rispettivi club per effettuare degli allenamenti congiunti assieme ai tecnici delle società. Tutta la nostra attività è sostenuta e svolta di concerto con Cristina Tonna, la responsabile nazionale del settore femminile”. 
“In realtà – conclude Sironi -  la nostra non è una selezione. Cerchiamo di strutturare un lavoro che ci porti a presentare in campo una rappresentativa della regione, nella quale far giocare più ragazze possibili, sia Juniores che Seniores. A tal proposito abbiamo già preso contatti con una formazione inglese, una croata e stiamo organizzando un incontro in Toscana in occasione del match autunnale Italia -  Sud Africa a Firenze. 

 by Piergiorgio Grizzo (del.Friuli Venezia Giulia)

http://sicilia.federugby.it/templates/scorpii/images/arrow.png POSITIVA LA "SPEDIZIONE SICILIANA" AL TROFEO CONI IN SARDEGNA
Bilancio positivo dentro e fuori dal campo per la Selezione Siciliana Under 14 al Trofeo Coni in Sardegna. Nella 2 giorni di gare, a dispetto di qualche risultato che non ha sorriso ai ragazzi isolani, è stata positiva la prestazione fornita con evoluzioni nella comprensione del gioco evidenti dalla prima all'ultima partita.

È stata anche l’occasione per confrontarsi con esperienze diverse del nostro sport, con ben 20 squadre presenti da tutta Italia, favorendo la fraternizzazione tra atleti ed accompagnatori di tutta Italia. Da rimarcare, a distanza di molti anni dall’ultimo, il “Derby delle Isole Maggiori” tra Sicilia e Sardegna, che ha sorriso alla nostra selezione ed è stato il culmine di una bella festa di sport, con i giovani atleti delle altre regioni ad incitare i pari età. Si coglie l’occasione per ringraziare a nome della spedizione la dottoressa Sofia Vivacqua, che ha accompagnato i ragazzi insieme al manager Fabrizio Blandi ed è stata fondamentale per permettere il sereno svolgimento dell’intera manifestazione. Si ringraziano inoltre il prof. Gino Donatiello, il C.R. Sardo Fir ed il Tecnico Regionale Sardo Sabrina Melis per essersi messi a disposizione della macchina organizzativa ed aver garantito l’espletamento nelle gare nel modo più sereno possibile (nonostante le défaillances organizzative, non dipese da questi ultimi), ed infine gli amici della delegazione della Provincia Autonoma di Trento, per aver condiviso in pieno spirito rugbystico questa avventura, nella speranza di potersi tutti incontrare di nuovo al più presto.



Gli atleti convocati:
Amore Leonardo
D’Amico Lorenzo
De Francesco Lorenzo
Gangi Vincenzo
Irrera Mattia
Ragusa Ivan
Schepis Giuseppe
Terrana Giuseppe (Capitano)

Risultati:
Girone D:

Sicilia - Umbria 3-5
Sicilia - Lombardia 6-7
Sicilia - Trento 11-5

Finali 9°-12° posto:
Sicilia - Abruzzo 1-4
Sicilia - Campania 6-0
Sicilia - Sardegna 5-1


(da Roman Henry Clarke addetto comunicazione C.R.SICILIA)

QUEST’ANNO IL Campionato Under 18  Girone Elite è suddiviso in quattro aree geografiche. Quella del Nord Ovest, che assegnerà il Trofeo delle Alpi, si disputerà a dieci squadre comprese le tre liguri del CUS Genova, la Franchigia Pro Recco Spezia e CFFS Cogoleto&Province dell’Ovest, le piemontesi del VII Torino ed il Monferrato, quest’ultimo arrivato a questa fase dopo doppio spareggio con il Lecco, ed il gruppo lombardo, sicuramente quello piu’ “agguerrito”  con CUS Milano, Viadana, Calvisano, A.S.R. Milano e Rovato. Al termine della regular season la prima classificata vince il Trofeo delle Alpi, e le prime due  dello stesso girone accedono alla fase nazionale che assegnerà la Coppa Mario Lodigiani. La squadra classificata al decimo ed ultimo posto passa ai Gironi Regionali per la stagione agonistica 2017/18, mentre la penultima disputerà uno spareggio con la perdente della finale interregionale 2016/17, da giocarsi a settembre 2017. CUS Genova, quindi, in un campionato di tutto rispetto, ambìto da tante Società, raggiunto da poche: una Elite insomma!

“ Non ci riteniamo dei neopromossi – afferma ALESSANDRO BOTTINO, Trainer CUS Genova U18 – come si usa etichettare nel mondo del Calcio, ma siamo consapevoli che il nostro obiettivo è finalizzato nel far crescere tecnicamente e fisicamente i ragazzi per poi prepararli al salto per la squadra senior. Non abbiamo coppe da vincere in questo campionato, questi trofei sono destinati ad altri club piu’ quotati, non al nostro movimento comunque povero.”
L’anno scorso pero’ la Pro Recco anche se non vinse il trofeo riuscì a ben figurare ed a sconfiggere fior di avversari, molto piu’ quotati degli stessi rivieraschi!
“Bravo il Recco sicuramente – ribatte BOTTINO – e del resto anche noi non andremo certo in campo per perdere. In ogni caso noi in campo avremo gli stessi atleti dell’anno passato, con esclusione di Rebora che è passato tra i seniores, e il resto del gruppo cercheremo di farlo crescere ulteriormente per il futuro. “
(Una touche tra U18 del CUS e Rovato nel test del maggio scorso nella finale zonale)

Domenica prossima prima insidiosa trasferta al campo Curioni di Segrate, all’Idroscalo con l’ A.S.R. Milano.

Tre le squadre liguri in Elite tra gli Under 18, ma tra gli U16 rischiamo di non averne proprio, a patto che CUS Genova e Imperia riescano a compiere un vero colpo di mano superando avversari molto quotati. Alessandro Bottino è il Tecnico Regionale FIR e da noi interpellato è categorico quanto esplicito: “ Negli ultimi dieci anni non abbiamo avuto mai due Società liguri nel Girone Elite tra le Under 16, e onestamente anche se la formula del campionato è cambiata in modo illusorio ritengo che sia difficile portare delle nostre formazioni in questo girone. Purtroppo non è cambiato nulla, questi ragazzi hanno una crescita corretta poi arrivano ad una certa performance piu’ in la nell’età, ma qui potrebbe subentrare tanti altri fattori, fortuna compresa. Sinceramente – ribatte ALESSANDRO BOTTINO - non so se l’anno prossimo riusciremo ad avere quattro, o tre, o due in Elite con l’U18, ma resta il fatto comunque che come bacino di utenza la Liguria possiede sette Società con due Club in Serie A, una in Serie B, ma nessuna in C2, questo è fattore di crescita.

 La differenza con altre realtà è semplice: alcuni possiedono 7000 squadre, ma concretamente 6500 sono in C2. Arriveremo piano piano all’autosufficienza, ma per ottenere cio’ ci vorrebbe tempo e collaborazione da parte di tutti, cosa impossibile in questo momento.”
 

Fonte Rugby Falconara Dinamis
MONTEMARCIANO SI TINGE DI RUGBY
Oltre 350 atleti in gara di dieci società differenti, una cornice di pubblico meravigliosa pronta a tifare e a sostenere i propri figli, uno sport ed un movimento in costante crescita che appassiona sempre più persone.
Queste le principali tematiche sviscerate dal contenitore della prima edizione del Torneo nazionale “Grankiominuto”, una manifestazione dedicata a tutte le categorie del minirugby (Under 6-8-10-12-14) tenutasi domenica 25 sempre 2016 allo stadio della Gabella di Montemarciano “Luigi Di Gregorio”.



Nel corso della giornata, gli atleti e il pubblico si sono divisi nei quattro campi da gioco approntati nello stupendo impianto calcistico messo a disposizione dalla società Montemarciano Calcio 1926, con cui la società organizzatrice Falconara Rugby, come sottolineato dal Presidente Emanuele Bianconi, ha attuato virtuose sinergie finalizzate e prontamente realizzate in un evento di tale portata.
Una giornata dunque all’insegna dei sani principi che questa nobile disciplina porta con sé e mirato alla valorizzazione della pratica sportiva, una giornata dedicata alla commemorazione di Elia Longarini – giovane atleta tragicamente scomparso qualche mese fa durante un match - cui è stato dedicato il 2° Memorial riservato alla categoria under 14, grazie alla gentile concessione della famiglia.



La toccante cerimonia è stata seguita con tanta commozione dal numeroso pubblico accorso e da tutti gli atleti partecipanti riunitisi sul campo centrale. “Grazie per tutte le manifestazioni di solidarietà e vicinanza che ci state mostrando” - ha commentato il papà Giorgio Longarini – “Questo sport ci ha fatto conoscere una nuova famiglia, la famiglia del rugby. Non voglio vedere facce tristi, via questi sguardi
depressi. Elia non avrebbe assolutamente voluto questo. Coraggio, andiamo avanti, se cadiamo ci rialziamo: c’è speranza”. Un messaggio meraviglioso lanciato davanti ad una vasta platea e soprattutto davanti a tanti giovani che si apprestano ad affrontare una nuova vita. “Sto intraprendendo un percorso condiviso con il Rugby Macerata per far sì che anche l’ecografia diventi obbligatoria nelle visite
mediche, affinché tragedie simili non si verifichino più” ha concluso
Longarini. Parole degne di nota, semplicemente accompagnate da un lunghissimo applauso.



Dopo la cerimonia hanno avuto luogo le finali per ogni categoria e le premiazioni per tutte le società partecipanti (alcune delle quali provenienti da fuori regione). Gioia e soddisfazione per gli organizzatori, i quali hanno lavorato duro per coordinare l’attività logistica, agonistica e la ristorazione a supporto degli oltre mille partecipanti: tanti i riscontri positivi al punto da poter annunciare
fin d’ora l’edizione 2017 del Torneo Grankiominuto.


(Fonte Falconara Rugby da C.R. MARCHE)

martedì 27 settembre 2016


NAPOLI – Sono state confermate le liste pubblicate lo scorso giugno relative agli atleti selezionati per i Centri di Formazione Under 16 regionali per la stagione sportiva 2016/2017. Quarantacinque i nati tra il 2001 ed il 2002 appartenenti alle società delle province di Caserta, Napoli e Salerno che confluiranno nel Centro situato nel capoluogo campano, mentre sono quarantadue gli atleti dell’area sannita e della provincia di Campobasso che andranno a convergere nel Centro di Formazione con sede a Benevento. Istituiti nella stagione 2014/2015 su tutto il territorio nazionale, i Centri di Formazione dedicati agli Under 16 hanno la peculiarità di essere situati presso le strutture di club già radicati sul terriotrio, ma soprattutto consentono agli atleti selezionati di continuare a vivere presso le proprie famiglie e ad allenarsi con i propri compagni: il plus infatti è dato da un costante monitoraggio di tecnici e preparatori federali che seguono i ragazzi negli allenamenti addizionali, con l’obiettivo di dar vita ad un percorso formativo che innalzi la qualità ed il tasso tecnico degli atleti. Il Centro di Formazione di Napoli, assegnato alla Partenope Rugby, è formato per un terzo proprio da atleti appartenenti alla storica società napoletana. Questi i quindici selezionati: Amendola, Berti, Bianco, Borsa, Castaldi, Cotese, De Maria, Disa, Esposito C., Esposito Luongo, Festa, Garcia, Pengue, Savy, Scognamiglio. Quattro invece gli atleti del Rugby Pozzuoli: Brusco, Chiocca, Memoli, Romagnoli; mentre D’Orazio, Esposito e Piciocchi sono i tre ragazzi appartenenti all’Amatori Napoli Rugby. Nella provincia sono stati selezionati Ottieri, Rivieccio e Sorrentino dell’Amatori Torre del Greco; Coverta, Salzano e Trotta del Rugby Vesuvio: Luigi e Vincenzo Esposito per il Rugby Napoli Afragola. Le società della città di Salerno contribuiscono con otto atleti: Cannoniero, Fuoco, Liguori, Musella, Stanzione (Salerno Rugby) ed Arpaia, Banica, Liguori (Arechi Rugby). Sette invece i selezionati nella provincia di Caserta: Calabro’, Nespoli, Perica, Sergio (Rugby CLAN S.Maria Capua Vetere) e Conforti, De Gennaro, Spina (Rugby Bufalotti Brezza). Il lavoro dei Centri di Formazione mirano anche ad elevare la qualità dei numerosi allenatori in seno ai club del territorio, che grazie al costante confronto  FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY Comitato Regionale  Campano via Longo n. 46/E – 80127 – T      el. 0813773711 – Fax 01855799057 – P.IVA 02151961006 crcampano@federugby.itwww.federugbycampania.it metodologico con i tecnici federali, hanno modo di far crescere e maturare le proprie competenze per poi applicarle  in campo con i rispettivi atleti. Ed è quello che accadrà nel Centro sannita, di competenza dell’U.S. Benevento Rugby, dove cinque diverse società avranno modo di confrontarsi periodicamente. Tra le fila dell’US Benevento sono stati selezionati ben diciannove atleti: Alloro, Brugnetti, Caputo, Caruso, Covino, Di Dio, Fallarino, Fioretti, Melillo, Mercurio, Mignone, Nisco, Pepe, Pisano, Raucci, Romano, Rossi, Tomaciello e Torrillo. Dieci invece gli Under 16 appartenenti al IV Circolo Benevento: Bizzarro, Casciello, Cifiello, Gramazio, Minicozzi, Pacifico, Pacillo, Raihane, Russo e Santoro, mentre tra le fila del San Giorgio del Sannio sono sette i selezionati: Boscaino, Cannavale, Leone, Lizza, Oliviero, Paragona, Silvestri. Dal Molise sei gli atleti scelti: Santone dell’IC Colozza e Battista, Ferro, Lomma Iaciof, Testa e Valente del Campobasso.


(di GianClaudio Romeo add/com CR Campania)

La  XXIII edizione  del  “Salento Beach Rugby Cup”  si terrà presso il Lido Onda Marina di  Torre San Giovanni . La ...