martedì 11 agosto 2020

I TITANI RUGBY VIAREGGIO - OK in Comune al Progetto Titani. Avanti anche con una prima squadra.

 


TITANI IN METAAAAAAAAAA: Abbiamo realizzato un’azione bellissima che dopo tanto tempo ci ha portati alla nostra prima meta più importante. Il progetto Titani è’ passato in Consiglio Comunale.

La meta non è’ mai un il risultato di un’azione del singolo giocatore ma sempre della squadra. Ecco come è’ nata la nostra storia due anni e mezzo fa:






In cerca di una nostra “casa” del rugby siamo stati contattati da Rodolfo Salemi ( persona sempre disponibile e sensibile al tema sport )che ci ha fatto conoscere lo stadio Ferracci. Tutti voi sapete in quali condizioni era! Abbiamo così deciso di accettare la sfida, presentando così la nostra intenzione a  Sandra Mei






assessore dello Sport la quale ringraziamo per L’impegno, la volontà costante, adoperandosi da subito per mettere in moto tutto L iter burocratico necessario per realizzare questa impresa. Sono felice di ringraziare anche la commissione sport che vedeva riunite tutte le parti politiche, alla quale abbiamo ribadito che un progetto di sport è un progetto per tutta la città. Abbiamo sempre presentato le nostre idee a tutti indistintamente da colori e pensieri.

La stretta di mano con il sindaco Giorgio Del Ghingaro ha sigillato la volontà e L impegno di poter rendere reale questo bellissimo progetto. Abbiamo realizzato questo Grazie sopratutto a persone speciali che quotidianamente con le loro competenze hanno reso possibile il completamento della richiesta. Ringraziamo pubblicamente, L avvocato  Beatrice Pieraccini

splendida persona che fa parte della nostra famiglia TITANI la quale ha seguito tutta la parte contrattuale, Così come il tecnico Geometra  Giacomo Sacchelli





dello studio Opera uno che otre ad essere un grande appassionato di rugby ha realizzato il progetto TECNICO TITANI e lo studio Grafico Kosana di  Alessandro Lasagna

e Barbi Lisa per la realizzazione Grafica e Comunicazione che hanno saputo tradurre la nostra visione con L emozione e la passione che ci rappresenta. Ringraziamo gli uffici e tutte quelle persone che sono passate allo stadio per capire quali fossero i passi da fare. UN GRAZIE A TUTTI DI CUORE, consapevoli che tutto quello che stiamo facendo è’ un obiettivo comune per la città E per tutta la comunità di Torre del Lago che abbiamo a cuore.


Ci auguriamo che anche in futuro il nostro progetto sia portato da tutti come esempio di come lo sport si possa mettere a disposizione della città unendo tutte le parti! GRAZIE A TUTTI

TITANI PRIMA SQUADRA.

Capitolo 1: la Nascita.

Ogni società ambisce ad avere subito una prima squadra e noi per scelta siamo partiti da 0 creando nella base il tessuto etico sportivo che rappresenta la nostra identità. Ora siamo pronti con i nostri ragazzi a raggiungere questo traguardo importante.La nostra prima squadra sarà lo strumento trainante che darà stimolo e L esempio ai nostri piccoli TITANI. PRONTI PER I PROSSIMI CAPITOLI

RUGBY GIOVANILE - Un buon successo il camp organizzato dal Viadana.


Un camp estivo iniziato lo scorso 29 Giugno e che ha accolto in tre settimane oltre 150 iscrizioni di bambini e ragazzi tra i 6 e i 14 anni. Coinvolti giovani provenienti da tutto il territorio Viadanese, da vari comuni limitrofi ed anche da paesi fuori provincia che,

 insieme ad istruttori qualificati, hanno potuto praticare diverse attività sportive, laboratori ludico didattici e divertenti giochi come la caccia al tesoro, alce rossa e battaglia navale.


Quartier generale delle attività è stato lo Stadio del Rugby di Viadana L. Zaffanella ma non sono mancate le attività presso la strutture del UC Viadana, gite a Po e lo svago della piscina. Una grande responsabilità e tanto impegno nei confronti della comunità di Viadana, delle numerose famiglie e soprattutto dei numerosi partecipanti da ormai troppo tempo impossibilitati nello svolgere attività di questo valore.








 Abbiamo speso molte forze per rispettate tutte le norme sanitarie dettate dall’emergenza Coronavirus, e l’esito positivo finale e il  riconoscimento dall’ATS sanitaria di Cremona ci ha reso molto orgogliosi e ripagati di tutto quanto fatto.

L’entusiasmo e la professionalità sono stati riconosciuti positivamente e, cosa fondamentale hanno soddisfatto gli organizzatori, sponsor e collaboratori. Questo farà da stimolo per fa si che, si rinnovi anche per la prossima stagione coinvolgendo anche ad altre discipline sportive e associazioni del territorio. Nelle successive 3 settimane abbiamo passato la palla all’Uc Viadana a cui non abbiamo fatto mancare collaborazione e sostegno concedendo spazi della nostra struttura, personale e attrezzature necessarie.








Terminato il camp estivo ci stiamo organizzando per l’imminente stagione sportiva e, dopo l’inizio della pre-season della prima squadra, siamo pronti a partire con le attività del settore giovanile. Per gli atleti del mini rugby e per chi volesse avvicinarsi alla disciplina della palla ovale si inizia con il primo Open Day Mercoledì 26 agosto alle ore 18,00 sul campo centrale dello Stadio Zaffanella e successivamente verrà stilato un calendario di interventi che coinvolgerà anche le società della franchigia Casalmaggiore Rugby, Leoni di Cavezzo e Rugby Guastalla 2008.

La stagione sportiva che ci aspetta sarà sicuramente una delle più impegnative, senza dimenticare che quest’anno si conclude l’anniversario dei 50 anni dalla nascita del Club e il prestigio di ospitare il mondiale U20 ma nonostante tutto il Rugby ci insegna e ci ha sempre insegnato i valori come gioco di squadra, disciplina, tenacia e sostegno ed è per questo che ci sentiamo in dovere, pronti e responsabili nell’organizzare una nuova stagione sportiva.

RUGBY MERCATO - Altri rinnovi in casa del Mogliano.

 


ALTRI RINNOVI TRA I TREQUARTI BIANCOBLU'

 MOGLIANO VENETO – Il reparto dei trequarti biancoblù potrà contare anche per la prossima stagione su quattro atleti importanti. Rinnovano infatti e vestiranno nuovamente la maglia del Mogliano Rugby 1969, i trequarti ala Mattia D'Anna e Federico Pavan, e i trequarti centro Cristian Cerioni e Antonio Zanatta.





Il commento del direttore sportivo Enrico Endrizzi"Con questi rinnovi abbiamo cercato di garantire alla linea dei trequarti il giusto mix di solidità difensiva, capacità di lottare nel contatto, velocità ed esplosività. Sotto la guida di Basson ci aspettiamo dei progressi sia a livello individuale che di reparto. 


La competizione per scendere in campo si annuncia serrata ma ognuno di questi giocatori ha le carte in regola per ritagliarsi il proprio spazio."

RUGBY LIONS AMARANTO LIVORNO - La carriera di Giacomo Bernini.

 

Anche i Lions Amaranto hanno festeggiato la conquista di due scudetti, quelli vinti in terra veneta, con due squadre differenti, dal validissimo terza linea livornese Giacomo Bernini. ‘Mamo’, nato il 22 ottobre 1989, è stato uno dei titolari inamovibili del Rovigo e del Petrarca Padova, capaci, rispettivamente nel 2016 e nel 2018, di laurearsi campioni d’Italia. Giacomo Bernini ha mosso i suoi primi passi nel mondo della palla ovale con la maglia dei ‘Leoni’ ed è stato uno dei primissimi tesserati della società labronica.





Era presente, sabato 6 novembre 1999 - cioè pochi giorni dopo aver compiuto 10 anni - al primo allenamento in senso assoluto di una squadra Lions. Per inciso: insieme a lui, in quella ‘storica’ prima stagione under 12 1999/2000, erano impegnati anche Maurizio Sarno, Luciano Scardino e Diego Tamberi, altri tre preziosi avanti (i primi due nati nel 1989, il terzo nato nel 1988) tuttora protagonisti, in B, con la squadra livornese. 





Tutta la trafila nel settore juniores, per ‘Mamo’, si è sviluppata con la maglia amaranto. Sotto la guida tecnica di Massimo Goti, ha poi esordito, giovanissimo, nella prima squadra dei ‘Leoni’ nella stagione 2007/08. Era la prima annata in cui i labronici avevano presentato una formazione senior. Quella stagione si è chiusa con la prima trionfale promozione dalla C1 alla B. Il talento di Bernini (un giocatore di mischia particolarmente dotato sul piano tecnico) non è rimasto inosservato: su di lui ben presto si sono focalizzate le attenzioni degli allenatori federali. Il terza linea livornese ha trovato spazio nelle selezioni azzurre giovanili e poi nella nazionale under 21 e nella nazionale emergenti. Le proficue esperienze nell’Accademia di formazione del Centro CONI di Tirrenia gli hanno permesso di maturare ulteriormente. 






Dopo una stagione in prestito al Livorno Rugby (serie A), è diventato a tutti gli effetti giocatore professionista con le maglie del San Donà, del Prato, delle Zebre, del Rovigo, del Petrarca Padova e del Verona. I Lions, come da prassi, non hanno ostacolato il passaggio di un proprio talento nell’élite del rugby nazionale. Così come accaduto per Barducci, Basha, Bertini, Citi, Lucchesi, Mannucci, Paris e Tolaini, gli amaranto, dopo aver ‘lavorato’ e fatto crescere nel proprio vivaio un giocatore di gran talento, lo hanno lanciato nel rugby di alto livello. Le importanti mete di Bernini e degli altri atleti cresciuti nel proprio settore giovanile sono sempre state celebrate da tutta la famiglia amaranto. ‘Mamo’ è rimasto legato ai Lions: non è mai mancata la sua significativa presenza in occasione delle feste di fine anno organizzate dallo stesso club amaranto (feste svolte, per tanti anni, nel ‘vecchio’ quartier generale dell’impianto della via della Chiesa di Salviano). Il terza linea, concluso nel 2019 il suo percorso di rugbista professionista, ha compiuto una scelta di vita significativa e ben precisa e, ancor prima di compiere 30 anni, è tornato in forza ai Lions. L’avanti ha contribuito all’ottimo torneo 2019/20 giocato dai livornesi, in B. Ovviamente è già carico per dare il suo apporto anche nell’annata 2020/21, nella quale i Lions proveranno ad alzare l’asticella. Si punta a migliorare il sesto posto dello scorso campionato, terminato, per l’emergenza del Covid-19, circa a metà percorso. Rispetto al torneo 2019/20, la mischia dei livornesi potrà contare sui rientri, dopo non pochi anni, del pilone Cristian Mannucci e del seconda linea Mattia Paris, e sull’innesto del terza linea Giacomo Brancoli. Tre giocatori esperti e di qualità. A disposizione del coach Giampaolo Brancoli, in prima linea, anche Alberto Giusti, che ha smaltito il suo infortunio al ginocchio, e Andrea Bertini, tornato in amaranto dopo aver militato nella seconda parte del torneo passato in prestito all’Accademia FIR ‘Ivan Francescato’ (serie A). 





E’ rientrato nei ranghi pure l’estremo Simone Campisi, che ha saltato l’ultima annata per un serio problema fisico (strappo al bicipite femorale), rimediato il 5 maggio 2019, in occasione della gara vinta 62-7 con l’Olbia, nel ritorno della finale play-off per la promozione dalla C1 alla B. Per il resto, tutti confermati: la sensazione è che con un anno di maturazione in più del gruppo storico, con i rientri e gli innesti di cui sopra e con il lancio di qualche giovane proveniente dal florido settore juniores, i Lions potranno ambire alle zone di medio-alta classifica.(FabioGiorgi)

LA PRIMA FOTO E' RELATIVA ALLA PRIMA USCITA DEL 2000 DEI NEONATI LIONS UNDER 12: BERNINI E' IN PIEDI, IL TERZO DA SINISTRA. NELLE ALTRE TRE FOTO, BERNINI IN AZIONE CON LA MAGLIA DELLA PRIMA SQUADRA LIONS (STAGIONE 2019/20)

RUGBY MERCATO - Muzzi e Pontanari altri due rinforzi per I Centurioni Lumezzane

 

 Lumezzane (BS) –  I Centurioni Rugby annunciano altri due importanti innesti. Dopo gli avanti Giuseppe Datola e Giuseppe Pagani, vestiranno rossoblù il mediano di apertura – estremo Davide Muzzi e la seconda linea – flanker Matteo Pontanari, entrambi classe 2000.





Muzzi (1,80 m per 86 kg), triestino di nascita, proviene dal Rugby Udine, dove nella passata stagione ha disputato il campionato di serie A. Nello stesso club ha iniziato la propria carriera in U16, per poi trasferirsi nel Mogliano Rugby prima per concludere il suo percorso nelle categorie juniores con l’U18, successivamente per accedere alla prima squadra, facendo parte della rosa a disposizione per il campionato di TOP 12. Il giocatore ha frequentato l’Accademia federale di Mogliano e, da esterno, il Centro di Formazione permanente di Treviso. Muzzi ha preso parte al raduno nazionale U17 e al torneo 7s delle Accademie nazionali.







Pontanari – 1,84 cm per 98 kg, originario di Gallarate (VA), ma residente a Riva del Garda (TN) – è un giocatore schierabile sia in seconda che in terza linea. Ha iniziato a calcare i campi da rugby a 14 nelle fila del club Benacense, per poi completare il suo percorso juniores nel Verona Rugby, dove ha frequentato inoltre due anni di Accademia (il primo da Project Player). Il suo approdo nel rugby seniores è avvenuto con la maglia del Valsugana Rugby, militante in serie A. A livello federale, nel 2016 ha preso parte al Centro di Formazione permanente di Padova.







«A nome della società, accolgo Muzzi e Pontanari in rossoblù – commenta il General Manager Luca Raza(foto sopra) -. I loro curriculum rappresentano una delle tipologie di giocatori sulle quali stiamo imperniando questa importante campagna di rinforzo in vista della prossima stagione. Entrambi, infatti, sono giocatori giovani, ma tecnicamente preparati e abituati alla cultura del lavoro e dell’innalzamento delle proprie abilità. I loro trascorsi formativi di livello, infatti, consentiranno al nostro staff tecnico di lavorare con un capitale umano di valore, con ampi margini di crescita e, al contempo, basi molto solide sulle quali costruire obiettivi importanti».

La nuova apertura è il frutto «della ricerca di un giocatore che vestisse con competenza la maglia numero 10 e che mostrasse buone qualità al piede – continua il GM -. La serie A, infatti, è un campionato nel quale il calciatore ha un peso straordinario per l’economia dell’intero organico.

Muzzi mostra percentuali di precisione molto elevate, come ha dimostrato nella passata stagione con la maglia dell’Udine».


Era necessario, inoltre, identificare un rinforzo in mischia, schierabile sia in seconda che in terza linea, che avesse caratteristiche specifiche, identificate in Matteo Pontanari. «Trasferito al Valsugana, il giocatore ha mostrato tutte le sue qualità – descrive Raza -. Matteo ha infatti nell’aggressività nei punti di incontro, nell’efficacia del placcaggio e l’attitudine al sacrificio nel gioco sporco le sue principali caratteristiche. Le stesse che stavamo ricercando, identificandole come prioritarie in particolare nel reparto degli avanti».

Entusiasmo, voglia di mettersi alla prova e di continuare il talentuoso percorso di crescita sono le emozioni che accomunano i due giocatori che scenderanno in campo con la ripresa ufficiale della preparazione de I Centurioni Rugby che avverrà lunedì 24 agosto al MAW Stadium (il gruppo sta sostenendo comunque in queste tre settimane di sosta sedute di allenamento agli ordini del preparatore atletico Mattia Romano ndr). Entrambi coinvolti e convinti da progetto e struttura sportiva di prim’ordine, raggiungeranno la Valtrompia nei prossimi giorni per conoscere staff e compagni di squadra in vista della ripartenza. La seconda linea Pontanari, infine, farò coincidere l’approdo in rossoblù con la scelta dell’ateneo bresciano per l’inizio del suo percorso universitario nella facoltà di Ingegneria meccanica.

 (Fiorenza Bonetti)

lunedì 10 agosto 2020

FANO RUGBY - Il club chiude la stagione con il seven "in famiglia".

 


Si conclude così la stagione 19/20

L’altro giorno si è svolto il torneo misto di Rugby a 7 per terminare l'anno sportivo; un anno chiaramente particolare e difficile ma che non ha fermato la voglia di ricominciare a giocare e divertirci, insieme !





Ci fermiamo qualche giorno, per poter ripartire a breve con la nuova stagione sportiva

  Fano Rugby, qualcosa per tutti





STELLE NELLO SPORT - VENERDI 25 Settembre, a Genova, la premiazione di le Stelle nello Sport.

 

Ecco le Stelle nello Sport 2020. Saranno premiate al Galà del 25 settembre


E’ stata ancora una volta una “maratona” entusiasmante con uno sprint finale da applausi. Si sono chiuse le votazioni per l’elezione degli Sportivi e delle Società dell’Anno. Superata quota 400 mila voti. Sono 400.979 per l’esattezza.
Nuovo record per la 21a edizione del progetto Stelle nello Sport patrocinato da Regione Liguria, Comune di Genova e Porto Antico di Genova sotto l’egida di Coni e CIP Liguria.
Il rush finale è stato davvero eccezionale. Nel video l’analisi di tutti i risultati.

Ecco chi sono le Stelle nello Sport del 2020 che verranno celebrate a settembre nella Notte degli Oscar dello Sport ligure. Gli allenatori di Sampdoria e Genoa godono di grande riconoscenza da parte dei rispettivi tifosi. Dopo un lungo confronto, nel Trofeo Eco Eridania è il blucerchiato Claudio Ranieri (5548 voti) a prevalere di soli 110 voti sul collega rossoblù Davide Nicola (5438). Dai coach ai capitani. Fabio Quagliarella, vincitore nel 2018 e nel 2019, è terzo con 4461 voti e passa così scettro e corona di “Rossoblucerchiato dell’Anno” alla sua attuale guida tecnica. Quarto, con 3784 preferenze, Domenico Criscito.

Nuovo riconoscimento per Davide Re. L’imperiese delle Fiamme Gialle, primatista azzurro nel 400 metri vincitore dell’ultima Coppa Europa e protagonista all’ultimo Mondiale di Doha, trionfa nel Trofeo MSC Crociere, legato alla categoria Big Maschile, con 7376 voti. Al secondo posto, con 7019 preferenze, Matteo Puppo (Yacht Club Italiano), velista alla ricerca del pass olimpico nella classe 470. Completa il podio il campione mondiale Under 19 Paolo Porro, pallavolista oggi tesserato Treviso dopo esser cresciuto nelle fila della Colombo Genova. Menzione speciale per Simone Marangon, life-saver della Sportiva Sturla sino alla fine in corsa per uno dei primi tre posti.

Esattamente 15 anni dopo la prima volta, a testimonianza di una carriera lunga e tutta ricca di successi, Viviana Bottaro si riprende lo scettro nel Trofeo Montallegro. Allora 18enne, oggi 33enne. La plurimedagliata campionessa di Karate, prima azzurra nella storia a staccare il pass olimpica, riceve 3809 preferenze. Piazza d’onore, con 3412 voti, per la sincronette Marta Murru (Rari Nantes Savona), tra le azzurre della Nazionale d’argento agli ultimi Mondiali di Gwangju. Brava e bella, poiché finalista a Miss Italia 2018. Imperiese, argento olimpico a Rio 2016 e bronzo mondiale 2015: è la terza classificata (3083 voti), Giulia Emmolo, oggi attaccante di Orizzonte Catania.

 

Sotto il segno di Aldo Roberti, sin dall’inizio, il Trofeo Cambiaso Risso abbinato alla categoria Junior. Valanga di voti, ben 8231, per l’atleta del CSK 1978 Lavagna campione italiano di karate. Filippo Rinaldi, alfiere della Genova Nuoto già protagonista con la Nazionale giovanile all’ultima Coppa Comen, è secondo con 4729 voti. Matteo Rossi, promessa genovese dello Sci Club Chamolè e vincitore del prestigioso Memorial Fosson, conquista il terzo posto con 4193 preferenze.

Grande duello anche per la leadership nel Trofeo Bayer. La junior più apprezzata risulta essere Ginevra Revelli: la judoka della Budo Semmon Gakko, bronzo in Coppa Europa, si impone con 7287 preferenze. Molto bene anche Carlotta Tortello, tre volte medagliata agli Europei giovanili di salvamento: la portacolori della Sportiva Sturla conta 6953 voti. Applausi anche per l’arenzanese Sofia Giustini (3480 voti), attaccante del Rapallo Pallanuoto capace di esordire (con gol) in Nazionale a soli 15 anni.

La green Eleonora Bianco festeggia nel Trofeo Erg. E’ la giovanissima pallanuotista della Locatelli Genova, titolare in A2 a soli 13 anni e capitano della squadra vincitrice dell’Habawaba, a imporsi con 7455 preferenze. La pattinatrice andorese Victoria Baldo, tesserata HP Voltri Mele e vincitrice del Trofeo delle Regioni, “stampa” la seconda posizione con 4256 voti. Serrato confronto per la terza posizione: a spuntarla, in extremis, è Federico Simoncelli della Canottieri Sampierdarenesi (3242 voti) ma note di merito vanno anche a Ludovica Wernitzning (Ginnastica Rubattino) e a Federico Fucile (Pallamano Ventimiglia).





La Sportiva Sturla festeggia nel miglior modo possibile i suoi primi 100 anni. Un obiettivo speciale per un traguardo speciale. Dopo il trionfo del 2015, riecco la società biancoverde del presidente Giorgio Conte nuovamente in vetta alla classifica societaria abbinata al Trofeo Gecar Citroen con 8271 voti. Il podio è completato dalla S.G. Andrea Doria (5425 voti), fresca 125enne, e dall’Audax Quinto (4864). Il quadro delle 10 società regine di Stelle nello Sport si completa con Insuperabili Reset Academy Genova (4375 voti), Csk 1978 (4210 voti), Club Scherma Rapallo (4123 voti), US Luca Locatelli Genova (4054 voti), Virtus Sestri (4019 voti), Imponente Danza (3986 voti) e TT Tennistavolo Genova (3926 voti).

E’ Maurizio Gerini a succedere a Niccolò Canepa nell’albo d’oro del Trofeo Primocanale Motori. Il pilota di Chiusanico, protagonista nella Dakar, tocca quota 1760 voti precedendo la trialista Alex Brancati (1733) e il rallysta Fabio Andolfi (1563).

 

LE CLASSIFICHE COMPLETE DEL 2020

Su Il Secolo XIX di Giovedì 21 maggio tutti gli approfondimenti sulle Stelle di questa 21° edizione. Potete anche curiosare nell’Archivio di tutti i voti delle precedenti edizioni o sfogliare l’Albo d’Oro dei premiati nei Galà delle Stelle dei primi 20 anni.

Le luci del palco si accenderanno a settembre quando le Stelle sportive della Liguria saranno celebrate nella 21a Notte degli Oscar. Il progetto “Stelle nello Sport”, insomma, non si ferma e anzi “allunga”. E’ sceso in campo nei mesi più difficili del’emergenza Covid 19 con una raccolta fondi a favore del Policlinico San Martino (oltre 18 mila euro donati) e ha ideato il videocontest “Lo Sport ai tempi del Coronavirus” che ha coinvolto quasi 150 società sportive liguri i cui video sono stati visti più di 250 mila volte. Una vetrina straordinaria. Vittoria per la Pro Recco Judo, davanti a Lavagna ’90 e Ginnastica Riboli.

Storica partecipazione anche al Premio Fotografico Nicali-Iren con 338 “fotografie” in gara sulla nostra pagina Facebook fino al 25 maggio. Il Concorso scolastico “Il Bello dello Sport” ha coinvolto oltre 2500 studenti. Alle Scuole Oregina (Medie) e Don Bosco (elementari) i  bonus per il maggior numero di elaborati. Grande successo anche per gli incontri “digitali” tra campioni e studenti nell’ambito di “Una Classe di Valori”. Ben 13 gli incontri per un totale di 1200 studenti coinvolti. E altri 2.000 hanno seguito le “lezioni” sul tema “Alimentazione & Sport”. Prosegue, infine, l’Asta per la Gigi Ghirotti Onlus su www.charitystars.com/stellenellosport con le maglie autografate dei campioni di Genoa e Sampdoria.

BENETTON RUGBY TREVISO - Marco Lazzaroni sulla intensa preparazione al rientro!

 

MARCO LAZZARONI: "LAVORIAMO IN MANIERA PIÙ SPECIFICA"

 

Prosegue imperterrita la preparazione del Benetton Rugby verso il grande rientro contro le Zebre del 21 agosto in GuinnessPRO14. Sotto un sole battente gli uomini di Kieran Crowley continuano a sudare e fra di loro c'è anche il terza linea Marco Lazzaroni, un simbolo della storia recente dei biancoverdi, intervenuto ai nostri microfoni.

Marco, manca sempre meno alla sfida del 21 agosto con le Zebre. Come sarà ritornare a giocare dopo 5 mesi dall’ultima volta?
«Sicuramente manca poco, mi piace pensare che la pausa di cinque mesi ci abbia fatto bene, più che averci svantaggiato. 





Credo sia un po' come andare in bicicletta, una volta che torni magari non vai subito velocissimo, ma appena riprendi è come una volta. Siamo veramente pronti».

Vuoi continuare a dare il tuo fondamentale contributo nel pack...
«Questa è la mia settima stagione al Benetton Rugby, non mancano mai gli stimoli per migliorare e migliorarsi. Sicuramente spero e voglio fare una grande stagione come ho voluto e sperato di farla sempre. Passa sempre dal lavoro, quindi testa bassa, cercare di lavorare il più possibile e poi si raccoglie quel che semina».

Quanto è importante la tua duttilità fra gli avanti? Puoi essere sia seconda che terza linea...
«Poter giocare due ruoli, anche viste le nuove regole, probabilmente può avvantaggiarmi, poi dipende dagli allenatori, dal tipo di squadra che vogliono schierare e dal tipo di gioco che ha la squadra. Potrebbe essere una piccola freccia in più al mio arco, cerco sempre di lavorare il più duro possibile, di farmi trovare sempre pronto; si gioca anche pilone se si deve».

Che aspetti del gioco vuoi migliorare? Il lavoro in breakdown?
«Quest'anno che sono cambiate un po' le regole potrebbe essere utile migliorare in vista dei cambiamenti in cui il rugby ogni anno si evolve. Adesso, il fatto di dover essere più reattivi sulla ruck per andare a prendere la palla, piuttosto che essere più resistenti a rimanere sopra, potrebbe essere una cosa utile su cui lavorare in maniera diversa rispetto al modo in cui abbiamo lavorato negli anni passati. Quindi sicuramente ci sono degli aspetti di gioco, viste le nuove regole, per i quali si potrebbe lavorare in maniera più specifica. Intendo fare questo, così come tutti i miei compagni».

Hai un messaggio per i tifosi che non potranno venire a Monigo?




«Credo che più che per loro, sarà dura anche per noi non avere i tifosi allo stadio. Chiedo loro di portare pazienza, come dobbiamo portarla noi. Secondo me sarà forse più bello quando potranno tornare a Monigo. Come quando ti accorgi che ti manca qualcosa solo quando te la tolgono. Secondo me potremmo apprezzare ancora di più il fatto di avere i tifosi allo stadio e loro poter vedere noi giocare. Quindi mando un abbraccio a tutti, spero che tutti siano in salute e ci vediamo presto a Monigo».

 

 

 

 

 


(

FEDERICO ARIGANO)


LIONS AMARANTO E GRANDUCATO - Gli staff tecnici del club e della Franchigia.

 

                      


Nel gioco del rugby, il ‘quindici’ è un numero pieno di significati. ‘Quindici’ sono i giocatori di una squadra. Quando si parla di ‘quindici di qualità’ si indica normalmente una formazione in grado di puntare a traguardi di tutto rispetto. 

(in foto Fabio Gaetaniello)



Nel caso delle giovanili dei Lions Amaranto Livorno, con ‘quindici di qualità’ non si intende una singola compagine, ma la ‘squadra degli allenatori’. ‘Quindici’, in tutto, sono i tecnici che guideranno nella stagione 2020/21 le rappresentative under 14, 12, 10, 8 e 6. La società amaranto ha già da alcune settimane ufficializzato l’organigramma tecnico delle proprie formazioni juniores. 





Ufficializzati pure gli allenatori del Granducato, la franchigia più longeva d’Italia. Il Granducato è la realtà nata nel 2015 ed è il frutto del lavoro sinergico tra gli stessi Lions Amaranto e la Fulgida Etruschi Livorno. Da cinque anni, i ‘Granduchi’ curano, esclusivamente, le categorie under 18 e under 16. Il ruolo di direttore tecnico sia delle squadre giovanili Lions, sia delle formazioni del Granducato è stato affidato a Fabio Gaetaniello (uno dei più forti trequarti in senso assoluto nella storia del rugby italiano: al suo attivo 30 caps in azzurro e la maglia da titolare dei mondiali del 1987 e del 1991). 

(Gli Under16 del Granducato)




Gaetaniello, che dopo aver concluso la sua eccezionale carriera di atleta si è tolto non poche soddisfazioni anche come allenatore, ha sempre creduto nel progetto del Granducato: dal 2015 il suo nome figura nello staff tecnico del club giallo-bianco-rosso. Confermata alla conduzione del Granducato under 18 (squadra composta da atleti nati negli anni 2002, 2003 e 2004) la coppia Davide Mantovani – Michele Pelletti. Sulla panchina del Granducato under 16 (nati negli anni 2005 e 2006) ci sarà il tandem formato da Francesco Consani (nella scorsa annata allenatore dei Lions under 14) e Giacomo Brancoli (giocatore della prima squadra, ma già con esperienze come aiuto tecnico di formazioni giovanili, a Firenze). Il quartetto Mantovani – Pelletti – Consani – Brancoli è di grande qualità. I quattro saranno supportati da Diego Rolla e Salvatore Fusco (altri due giocatori della prima squadra). E, come sottolineato, è di sicura qualità il ‘quindici’ di tecnici delle giovanili Lions. L’under 14 (atleti nati negli anni 2007 e 2008) sarà diretta da Sergio Cortesi, Alessandro Landi e Valerio Ubaldi. L’under 12 (giocatori classe 2009 e 2010) sarà allenata da Emanuele Bertolini (che avrà pure l’incarico di responsabile del settore propaganda) e Massimiliano Russo. L’under 10 amaranto (atleti del 2010 e 2011) sarà curata da Salvatore Fusco, Vittorio Abbiuso, Marco Dalla Valle e Davide Bonomo. 

(Gli Under 12 dei Lions)




Allenatori-educatori degli under 8 (cioè nati negli anni 2012 e 2013) saranno Edoardo Biagi, Davide Strazzullo e Menotti Pannese (supportati da Leonardo Vitali e Antonio Cannavò). La categoria dei più giovani ‘leoncini’ (gli under 6, cioè atleti del 2014 e del 2015) è stata affidata ad Elisa Del Pero, Gianluca Gasparri e Ilaria Arrighi. La società dei Lions e la franchigia del Granducato intendono ringraziare pubblicamente gli allenatori che nell’annata 2019/20 hanno operato con grande passione e devozione e che nella stagione 2020/21, per nuovi incarichi o per motivi di lavoro, non figurano nello staff. Imminente, intanto, l’uscita del libro ‘Un ruggito lungo 20 anni, la storia dei Lions Amaranto’: nell’opera (100 pagine) i dettagli del cammino intrapreso dal club amaranto nel 2000. 

Un cammino che ha regalato non poche soddisfazioni. Al di là delle ‘mete’ messe a segno dalla prima squadra maschile (che anche nel nuovo campionato di B sarà guidata da Giampaolo Brancoli) e dalla formazione femminile (allenata da Alessandro Brondi: attualmente le ragazze giocano il torneo touch, ma in passato le ‘Leonesse’ hanno militato anche in serie A) e al di là dei numeri record (sono, in tutto, oltre 400 i tesserati del club amaranto), meritoria l’opera svolta dal sodalizio a livello sociale, con, in particolare, le attenzioni rivolte alle ‘Pecore Nere’, la squadra composta da detenuti del carcere labronico de ‘Le Sughere’, impegnata nel campionato Old. (FabioGiorgi)

I TITANI RUGBY VIAREGGIO - OK in Comune al Progetto Titani. Avanti anche con una prima squadra.

  TITANI IN METAAAAAAAAAA: Abbiamo realizzato un’azione bellissima che dopo tanto tempo ci ha portati alla nostra prima meta più importante....