mercoledì 9 maggio 2018



 


È BUONA LA QUARTA!
Al quarto incontro della stagione il Golfo dei Poeti Rugby Club riesce nell’intento e batte il Lucca Rugby mattatore della prima fase e ancora in corsa per la promozione alla serie superiore. Con una prestazione impeccabile dal primo all’ottantesimo minuto le Aquile di Berthomier dimostrano di meritare la Poule Promozione e di essere in grado di mettere in difficoltà qualunque squadra, costruendo un successo cristallino basato ancora una volta sulla forza di un collettivo in grado di sopperire a qualunque assenza e difficoltà.
Il Lucca è la squadra che non ha inciampato per ben più di metà stagione, con un collettivo solido e ben strutturato, ma oggi al Pieroni è stato il Golfo dei Poeti a mettere in campo una maggiore lucidità ed una presenza mentale, prima ancora che fisica, decisamente superiore. I bianconeri partono subito con il piede giusto, aggredendo la linea e spostando da subito il baricentro del gioco nella metà campo avversaria; bastano una manciata di minuti ed il pack degli avanti, con una maul ben organizzata, porta Ruggeri a schiacciare in meta la palla del 5-0. La posizione è buona e Gabrielli non sbaglia.
La veemenza degli attacchi del Golfo non si placa e la squadra riesce per la prima volta in campionato a non sbagliare davvero nulla: ottima la pressione sull’avversario, così come la solidità nelle mischie ordinate e la potenza degli avanti nelle fasi di gioco aperto; senza indugi lo schieramento difensivo e la manualità dei tre quarti al largo. Davvero un bel vedere.
Il Lucca però non è squadra da farsi intimorire ed è in grado di organizzare buone giocate e intelligenti linee di corsa: alla prima incertezza difensiva degli spezzini i rossoneri azzeccano la combinazione migliore e vanno a schiacciare alla base delle H per una meta seguita da una facile trasformazione che porta il risultato in parità.

(Spezzini festeggiano - ph. Paola Ruggieri)

Il pareggio galvanizza i toscani che si fanno più arrembanti e che vogliono ricordare di essere tra i primi della classe mantenendo il possesso con maggiore intelligenza ed iniziando a creare i primi veri problemi alla difesa del Golfo. I problemi si concretizzano con la seconda meritata segnatura lucchese con una bella combinazione al largo che prende sulle gambe la linea degli spezzini e che porta il risultato sul 7-12 che resta tale per la mancata trasformazione.
Il Golfo dei Poeti è però lucido e caparbio e con la giusta calma riprende le fila del gioco, spostando nuovamente il baricentro e costringendo il Lucca nella propria metà campo con ripetuti assedi che portano all’inevitabile fallo in zona calciabile: di fronte ai pali, poco fuori dalla linea dei 22 metri, Gabrielli non sbaglia ed accorcia il distacco portando il risultato sul 10-12 sul quale si va al riposo.
La seconda frazione si apre sulla falsariga della fine del primo tempo, con il Golfo dei Poeti che martella l’avversario e che riesce a difendersi in modo impeccabile anche nelle situazioni più critiche. Dopo 7′ di gioco il piede di Gabrielli va nuovamente a segno, questa volta sfruttando la piattaforma costruita dagli avanti ed inquadrando il bersaglio con un precisissimo drop che vale il sorpasso.
Sul 13-12 i toscani si fanno più agguerriti e la stanchezza inizia a pesare sulle gambe e sulla testa degli spezzini: le ondate rossonere si fanno più minacciose e si avvicinano con sempre maggiore frequenza alla linea di meta. In più di un’occasione gli aquilotti incorrono in giocate fallose che per fortuna il Lucca decide di giocare alla mano andando a cercare la marcatura pesante che la linea difensiva degli spezzini decide però di non concedere. A ranghi invertiti gli aquilotti, bloccati fallosamente dalla difesa lucchese poco fuori dalla linea dei 22 metri, cercano invece di inquadrare i pali, ma il piede di Gabrielli stavolta non riesce a mettere altri tre punti di distanza tra le due squadre. I tifosi accorsi numerosi al Denis Pieroni devono però pazientare ancora pochi minuti per vedere il Golfo allungare grazie ad una meta alla bandierina ispirata da una perfetta penetrazione di Hall che fissa l’ultimo difensore e regala a Fascio il pallone del 18-12. La posizione è la più difficile per un calciatore, ma oggi le cose dovevano andare così e Gabrielli infila le H per il 20-12 del sopra break che rende infuocati gli ultimi 20 minuti di gioco.
Il Lucca Rugby non vuole la sconfitta che significherebbe la fine delle speranze di promozione (anche se l’insperato successo del Bellaria sul Gispi lascia di fatto aperta la lotta per il secondo posto) ed il Golfo non vuole perdere una gara preparata alla perfezione e l’ultimo quarto di gara è una bellissima lotta di trincea che culmina, a 4 minuti dal termine, con la difesa spezzina che tiene sollevato da terra l’attaccante toscano entrato in area di meta. Dalla mischia sui 5 metri si gioca ancora nei 22 aquilotti finché una mischia a tempo scaduto per un in avanti toscano consente a Gabrielli di calciare fuori e di chiudere l’incontro che ha visto Filippo Gelati eletto come miglior giocatore in campo.
Forti dell’entusiasmo di questa bellissima vittoria i ragazzi di Berthomier hanno già messo la testa sulla gara della prossima giornata, ancora al Denis Pieroni, contro il Firenze 1931 che grazie alla vittoria odierna nel derby contro la Florentia Cadetta ha festeggiato la promozione matematica con due giornate di anticipo.
Tutti gli sportivi sono quindi attesi domenica 13 alle ore 15.30 al Denis Pieroni della Pieve con ingresso gratuito per un match che si preannuncia di straordinaria intensità. Andemo Golfo!
Altri risultati del 6 maggio:Firenze 1931 – Florentia Cadetta: 64-19; Bellaria Rugby – Gispi Prato: 22 – 19

Nessun commento:

Posta un commento

...